Assicurazione della droga: una “situazione catastrofica”

Al seminario pensionistico e assicurativo della FTQ la scorsa settimana ha detto di aver incontrato i canadesi che erano vittime di “fori improbabili” nella loro copertura dell’assicurazione sulla droga. “Abbiamo camminato in tutte le province, ed è stato shock dopo shock,” dice. Alcune persone devono dimettersi per accedere a copertura pubblica, le coppie separate per ottenere una copertura meno restrittiva, e le persone colpite da HIV devono persino passare alla British Columbia, dove Sono meglio coperti che altrove nel paese. “

Secondo le conclusioni del Consiglio di consulenza, circa il 20% dei canadesi è attualmente sobbilizzato e non prendere tutti i farmaci di cui hanno bisogno per motivi finanziari.

Durante il suo processo di consultazione, che ha portato alla deposito di una relazione nel giugno 2019, il Consiglio ha rilevato che c’erano un centinaio di piani. Assicurazione sulla droga pubblica in Canada e oltre 100.000 piani privati. Questo mosaico dei piani genera una copertura disparata e irregolare, oltre a generare oneri amministrativi e difficoltà di rimborso. Il numero di farmaci coperti da 4000 e 8000 a seconda dei regimi, mentre gli spazi vuoti sono stati trovati per franchising e contingenti pagati dall’assicurato.

dal punto di vista della gestione della gestione dei costi ” La negoziazione dei farmaci per la provincia dalla provincia ti priva di un significativo potere di contrattazione “, menziona Vincent Dumez.

” Non abbiamo mai avuto un pensiero coerente sull’assicurazione della droga in Canada. È più che tempo che questa situazione cambia rapidamente e drasticamente. Ero un po ‘scettico all’inizio riguardo alla necessità di creare un regime universale, ma non fa alcun dubbio per me ora, “continua.

Una dieta universale, l’unica soluzione praticabile

Il consiglio consultivo ha analizzato diverse strade per la creazione di un piano di assicurazione per la droga in Canada, incluso un piano “Disaster”, la cui copertura applicata solo da un certo A livello dei reclami, nonché un sistema misto privato-privato simile a quello del Quebec.

I membri del Consiglio sono arrivati alla conclusione che “l’unica soluzione reale” è stata un sistema unico del sistema pubblico universale. Secondo le conclusioni del rapporto, è l’unico sistema in grado di garantire parità di accesso ai farmaci a tutti i canadesi.

Un tale regime dovrebbe anche coprire “una vasta gamma di trattamenti”. Attualmente, l’elenco dei farmaci rimborsato per il controllo medicinale del Quebec Régie (RAMQ) è il più esaustivo nel paese tra i regimi pubblici, con circa 6000 trattamenti coperti. L’elenco del nuovo regime pan-canadese dovrebbe essere almeno equivalente a quello del Quebec, idealmente più a lungo, evidenzia Vincent Dumez.

“L’idea generale è che l’accessibilità ai trattamenti è basata sui bisogni medici e non Costi, “spiega.

Per limitare la crescita dei costi, il Consiglio consultivo propone la creazione di un’agenzia droga canadese. Ciò sarebbe responsabile della valutazione dei farmaci, istituire e gestire l’elenco dei trattamenti coperti, che sarebbero gli stessi da un’estremità del paese, nonché la negoziazione dei prezzi con le società farmaceutiche. Vincent Dumez afferma che per ridurre i costi del piano, l’uso di generici e biosimilari sarebbe favorito.

A seconda del piano proposto nella relazione del Consiglio consultivo, il premio annuale raggiungerà $ 100 per tutti i canadesi , con possibili esenzioni per persone a reddito molto basso. Una quota di $ 2 si applicherebbe all’acquisto dei medicinali più consumati nel paese e $ 5 per gli altri.

Relazioni tese con le province

A in Canada, la salute è di Giurisdizione provinciale. La creazione di Ottawa di un piano di assicurazione per la droga pan-canadese potrebbe rabbrividire i denti di alcuni governi provinciali, ammette Vincent Dumez.

Nella proposta del Consiglio consultivo, le province e i territori continuerebbero a offrire offrire un’assicurazione di droga con i trasferimenti federali. Tuttavia, il piano dovrebbe essere uniforme e trasferibile da una provincia all’altra, che richiederebbe una stretta collaborazione tra i diversi governi. Una nuova legge federale gestirebbe il finanziamento del regime e il pagamento dei trasferimenti federali alle province.

Per un regime universale in Canada, l’adesione provinciale sarà essenziale, specialmente quella delle province. “Ricco” Come l’Ontario, la British Columbia e Quebec, supporta Vincent Dumez.

“Non sarà vitabile se solo tre province aderiscono. In questo momento, Quebec ha il minimo sistema del Canada, ma include ancora una serie di problemi, come premi molto alti e grandi disparità nel Livelli di copertura. Quebec avrebbe alcun interesse per unirsi a un regime universale pan-canadese. “Dice. Ultima caduta, le province hanno accolto con freddamente l’idea di creare un tale regime, accusando Ottawa non pagare sufficienti trasferimenti di salute per le esigenze attuali.

Distribuzione progressiva

Il Consiglio di consulenza propone di implementare progressivamente il nuovo regime per un periodo di sette anni. In definitiva, nel 2027, quando l’elenco completo dei farmaci coperti sarebbe in vigore, il piano richiederebbe $ 15,3 miliardi di nuovi soldi all’anno. Questo importo verrà da Ottawa e sarebbe trasferito alle province.

“A medio e lungo termine, i guadagni economici sarebbero considerevoli”, relatizza il Vincent Dumez. Il rapporto valuta il risparmio annuale di $ 350 che le famiglie canadesi possono raggiungere droghe. Per i dipendenti attualmente coperti da un piano privato, sarebbe stato aggiunto un guadagno di $ 100 all’anno, mentre i datori di lavoro che offrono un tale piano potrebbero risparmiare $ 750 all’anno per dipendente.

“La ricezione è stata molto positiva da I datori di lavoro, nonostante alcune paure “, afferma Dumez.

Settore assicurativo Trasformazione

Il Consiglio consultivo ammette che l’istituzione di un regime universale al paese avrebbe un impatto significativo sull’industria assicurativa , e quindi il rapporto raccomanda un’implementazione graduale per abilitare gli assicuratori di adattarsi a un nuovo ambiente aziendale.

“nulla avrebbe impedito agli assicuratori e ai datori di lavoro di fornire una protezione aggiuntiva per i trattamenti universali, suggerisce Vincent Dumez. Le somme attualmente dirette Assicurazione delle droghe nei regimi privati potrebbe anche essere usato per migliorare la copertura E Altri servizi medici, come la cura dentale o paramedica. “

L’industria assicurativa è fortemente contraria alla creazione di un regime nazionale e universale, preferendo un modello pubblico-privato ispirato al sistema in atto in Quebec. L’Associazione canadese delle società assicurativa (Accap) che un regime universale, oltre ad avere un impatto importante sulle finanze pubbliche, potrebbe ridurre o ritardare l’accesso a farmaci innovativi per i canadesi. Secondo l’industria, il governo dovrebbe adottare misure mirate per sostenere gruppi di popolazione che non sono ben protetti da il sistema attuale piuttosto che adottare un nuovo modello di assicurazione su larga scala.

L’NDP ha depositato il mese scorso una fattura sull’istituzione di un piano di droga universale. Dovrebbe essere discusso nella casa dei comuni alla fine di Aprile o inizio maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *