BU (Biblioteche universitarie), Modalità D Utilizzare

Vai alla Buckthrough dall’inizio dell’anno

Se non hai mai impostato il piede per il BU, è il momento di cambiare il tuo abitudini. I ratti della biblioteca ottengono voti migliori di altri, secondo uno studio dell’Università di Tolosa sul valore della Biblioteca per il successo degli studenti in licenza, pubblicato nel gennaio 2016. E il successo è rafforzato con il numero di documenti presi in prestito: più noi Leggi, meglio ci riesce!

L’atmosfera accogliente delle sale di lettura promuove la concentrazione. “Non abbiamo tentazioni esterne”, Glotine Melanie, studente in L1 Info-com a Montpellier 3. Ma non aspettare che la vigilia del parziale esploriasse il tuo ubriaco. “È più grande di un CDI e gli studenti di licenza possono sentirsi perduti presto,” avverte il direttore di Lione 1, Isabelle Scheider.

Leggi anche: dove revisionare la domenica? Scopri la nostra scheda di costruzione interattiva

sollecitando l’aiuto del personale

molti raggi casuali degli studenti senza trovare ciò che stanno cercando. E senza oscillare chiedere aiuto per il personale della biblioteca. “Hanno l’impressione di disturbarci, ma siamo qui per aiutarli,” Oggetti il direttore del BU di Lione 1.

Un prezioso aiuto soprattutto in quanto le risorse sono talvolta gigantesche. Dei 2 milioni di opere della Biblioteca Sorbonne, solo 40.000 sono accessi gratuiti. Gli altri devono essere ordinati dal catalogo. “Se gli studenti non sanno cosa prendere in prestito, la persona in camera può presentarli al catalogo e aiutarli a sviluppare una bibliografia”, afferma Myriam Chermette-Richard, Bibliotecario a La Sorbonne. Lei non ha un ruolo di regolazione! “

Per avere un posto, scegliere le ore corrette

Alcune librerie sono saturate nel pomeriggio. Soprattutto nella regione di Parigi, che ha 12 studenti per un luogo, secondo il ministero dell’istruzione e della ricerca superiore. “Nel periodo parziale, ci sono facilmente 20 minuti di coda, osserva Pierre Marige, Bibliotecario a Sainte-Barbe, nel Quartiere Latino. Raccomando agli studenti di arrivare 30 minuti prima dell’apertura o di venire alla fine del pomeriggio per assicurarmi un posto . Gli autobus aperti il sabato sono anche meno aggressionenti quel giorno.

Per limitare la congestione, la Biblioteca Interuniversity Sainte-Barbe ha pubblicato una webcam all’ingresso in modo che gli utenti di Internet possano stimare il possibile tempo di attesa, mentre Sainte -Geneviève, situato anche nel 5 ° arrondissement di Parigi, si diffonde in tempo reale sul suo sito web il numero di posti disponibili. In generale, evitare di occupare un posto che lascia la tua attività quando esci dalla biblioteca. “Questo fa parte delle buone pratiche”, afferma Myriam Chermette-Richard, Bibliotecario a La Sorbonne.

Segui il suo ubriaco su Facebook o Twitter

Le biblioteche accademiche sono tutte su Facebook e Twitter. Seguendo il tuo ti permetterà di essere informato in tempo reale di chiusure, opere o difetti inaspettati di Wi-Fi. Un modo per evitare i movimenti inutili.

Il BU utilizza anche i social network per diffondere informazioni sull’evoluzione delle condizioni di prestito, della formazione di documentazione o dei futuri eventi culturali. Un modo semplice per riempire informazioni.

La libreria saint-serge dell’Università degli Angers, che ospita una galleria di fotografia, è aperta dal lunedì a Sabato dalle 8:30 alle 22:30. // © Virginie Bertereau.

Goditi gli spazi di “co-working”

sempre più librerie offrono sale da lavoro di gruppo. L’UPEC (Università di Parigi-Est-Créteil), ad esempio, in conto 27 che può ospitare fino a 10 persone per il più grande. Queste camere prenotabili online sono disponibili fino a 6 ore a settimana per studente. La Biblioteca della Sorbona ha inoltre fornito uno spazio di co-working, prenotabile: “Ciò consente di entrare anche quando è saturo, nota il Bibliotecario Myriam Chermette-Richard. Pochi studenti pensano.”

E quando Le sale da lavoro del gruppo non sono più disponibili, Alessandro, uno studente nella scienza politica M1, ha un trucco: “Quando hai una presentazione, creiamo un gruppo su Facebook per condividere le carte e discutiamo online.” Discrezione Richiede la biblioteca.

Leggi anche: vita dello studente: nell’atmosfera di un drink (biblioteca universitaria)

Prenota i libri in anticipo

Cataloghi di libreria sono tutti accessibili online.Hai l’opportunità di prendere la distanza della disponibilità e della posizione dei documenti che ti interessano. Alexander può testimoniare: “C’è un libro particolare che tutti gli studenti della scienza politica vogliono prendere in prestito due settimane prima degli esami, è utile sapere se è disponibile.”

Dal tuo account lettore, puoi Guarda anche i tuoi prestiti, estenderli, crea un avviso e prenota libri. La prenotazione è cruciale in una biblioteca storica come quella della Sorbona perché la grande maggioranza delle opere non è l’accesso gratuito. “Se chiediamo un libro in loco, ci aspettiamo 40 minuti nel miglior caso, mentre se abbiamo prenotato in anticipo, abbiamo immediatamente”, dettagli Myriam Chermette-Richard.

Usa Guida in linea

Molte librerie offrono una guida in linea, come messaggistica istantanea o e-mail. “Rispondiamo a domande o richieste molto pratiche per informazioni bibliografiche. Se il soggetto è puntato, proponiamo un appuntamento per approfondire la ricerca”, riferisce Isabelle Scheider, direttore del BU Lyon 1. Le risposte arrivano in un periodo massimo di 48 ore .

Il sito UBIB.FR, riunisce le raffiche di 22 università. “Questo servizio è sottoutilizzato per quanto riguarda i benefici che porta,” il bibliotecario della Sorbona è dispiaciuto. Bon sente!

Per librerie aperte più spesso e più a lungo dal 2016, il Ministero dell’istruzione superiore ha istituito il piano “Open Library +” per espandere i programmi e i giorni di apertura della libreria in particolare la sera e il fine settimana. Nel settembre 2017, 85 BU ha l’etichetta “Noctambu +” che significa che aprono almeno 63 ore a settimana e 245 giorni all’anno. Sempre più università stanno iniziando ad aprire le loro porte di domenica, tutto l’anno o solo durante periodi di esami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *