Canada: migliaia di evacué in British Columbia

I fuochi hanno continuato martedì per devastare le foreste della British Columbia (ovest) e, se alcune persone sono state in grado di tornare alle loro case, il numero di evacuees ha Aumentando costantemente a quasi 46.000 persone.

Attraverso questa provincia della costa del Pacifico, 155 fuochi erano ancora attivi, tra cui 15 “una vera minaccia per le comunità”, ha dichiarato Kevin Skrepnek, portavoce dei servizi per la foresta locale.

Più di 327.000 ettari di terreni desolatori e foreste sono bruciati da aprile, ma principalmente da quando all’inizio di luglio.

Mille abitanti di cache torrente, a circa 100 chilometri a ovest di Kamloops, iniziato Martedì per andare a casa, undici giorni dopo essere fuggito dal progresso delle fiamme.

“Gli abitanti devono ricordare che il villaggio di Cache Creek rimane all’avviso di evacuazione” perché il fuoco di Ashcroft, uno dei più importanti della provincia, rimane più a sud e non è ancora padroneggiato, ha evidenziato le autorità regionali.

Le famiglie tornarono a casa dovevano ricevere da mercoledì un aiuto di emergenza di 600 rosso canadese Cross, ha detto Robert Turner, un funzionario governativo.

A Kamloops, città di circa 100.000 abitanti 350 km a nord est di Vancouver, i volontari e i servizi di soccorso hanno organizzato migliaia di vittime: distribuzione di acqua e cibo sotto i capitelli di acqua , gli evacuati possono anche ricevere consigli o riempimento di file di compensazione.

Centinaia di letti da campo sono stati organizzati nell’immensa palestra per ospitare le vittime, a volte provenienti da per quanto riguarda il volo Williams Lake 300 chilometri a nord-ovest.

Quasi 3.000 vigili del fuoco per 220 elicotteri e aerei combattono questi incendi e rinforzi dovevano ancora arrivare nel Per il giorno, specialmente dalla costa atlantica.

Più est di Rockies, i fuochi hanno costretto la chiusura di alcune parti dei più famosi parchi naturali naturali, come Banff, Alberta..

parte di questo parco, visitato ogni anno da quasi quattro milioni di turisti, è vietato l’accesso da lunedì.

La provincia del Canada occidentale, come la California negli Stati Uniti nelle vicinanze, è regolarmente preda le fiamme. L’entità degli incendi quest’anno si avvicina agli incendi giganteschi nel 2003 che aveva costretto più di 50.000 persone ad abbandonare il loro alloggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *