Carriere professionali, carriere salariale: la nozione d itinerario caratteristico – perseo

carriera, stipendio e impiego

Cave professionali, Carriere salariali: il concetto di itinerario caratteristico

Alain Bigard e Yves Guillotin *

* Alain Bigard e Yves Guillotin fanno parte del gruppo di analisi del percorso e livelli di stipendio (Guadagni) dell’Università del Maine. Lo studio è stato effettuato attraverso una convenzione tra guadagni e insiemi. Gli autori ringraziano in particolare le divisioni delle entrate per vederli facilità di accesso ai dati. Una gran parte dei risultati è stata presentata nel 1994 al Congresso dell’Associazione europea degli economisti del lavoro (Bigard e Guillotin, 1994).

I nomi e le date tra parentesi si riferiscono alla bibliografia alla fine dell’articolo.

Come caratterizzare, ad esempio, la mobilità professionale delle donne? O il tipico percorso salariale nel settore dell’edilizia? Non possiamo rispondere a tali domande, qualitative, calcolando un percorso medio, ï / l’idea più naturale è usare il percorso più comune. Ma questa frequenza è spesso bassa, solo pochi percento, data la diversità estrema

dati qualitativi. Inoltre, gli itinerari più frequenti sono quasi sempre percorsi fermi (senza cambiamenti degli stati), che differenziano in modo diverso le sottopopolazioni.

Può quindi essere preso in considerazione che un percorso appare molto più frequentemente in una sottopopolazione rispetto alla popolazione totale: è la nozione di specificità. Tuttavia, qualsiasi percorso che appare solo una volta sarebbe “specifico” della sottopopolazione in cui è osservato, che non sarebbe molto soddisfacente. Questo è il motivo per cui il concetto di un itinerario caratteristico presentato qui combina sia aspetti, frequenza assoluta e specificità. Inoltre per i percorsi salariali e per itinerari socio-professionali, questa nozione consente di differenziare meglio sottopopolazioni, in particolare i settori dell’attività, che lo fa l’itinerario più frequente.

Ci sono profili di carriera specifici per le donne? Siamo un lavoratore qualificato tutta la sua vita? Manteniamo un basso salario per tutta la sua carriera? Alcuni settori consentono una scalata più rapida salariale rispetto ad altri? I percorsi socioprofessionali o salariali sono comunemente usati per caratterizzare la mobilità sociale degli individui. Questo articolo fornisce strumenti per descrivere i percorsi effettivamente seguiti da individui nel mercato del lavoro. Queste traiettorie

si considerano suite di stati professionali, salario o statutari.

Attualmente, l’approccio più generalmente accettato è interessato a cambiamenti di stato, transizioni e le loro probabilità condizionali dell’apparenza (vedi Florens et al, 1994, Lollivier, 1994). Non abbiamo seguito questo percorso perché sembra soffrire, nel caso di lunghe traiettorie, due limitazioni.

Economia e statistica n. 299 1996 ■ 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *