Corso contro l’orologio per stelo un focolaio in una residenza di Trois-Rivières

Una residenza per gli anziani di Trois-Rivières implementa tutti i mezzi per fingere il più rapidamente possibile un inizio di schiusa covid- 19 tra i dipendenti.

Tre lavoratori del Residence Place Belvedere di Trois-Rivières sono stati recentemente dichiarati positivi a CVIIV-19. La gestione dello stabilimento ha rapidamente implementato misure che richiamano i peggiori momenti del confinamento della prima ondata: sala da pranzo chiusa, accesso alle aree sospese comuni e visite esterne limitate ai caregiver.

L’obiettivo è evitare che i primi casi causano un sentiero in polvere.

“Alcuni residenti sono molto sostenuti, ovviamente. Nella prima onda, quando il virus è entrato da qualche parte, la propagazione potrebbe essere sorprendentemente rapidamente.”, Commentò il residente Louis Perron, che è presidente dell’Unione dei condomini.

Un’operazione di screening vasti è stata messa in atto dopo la conferma dei primi due casi, che ha svelato un terzo.

About L’80% dei 105 dipendenti che hanno subito un test di screening hanno finora ricevuto il loro risultato.

“Sono state installate tutte le procedure e i protocolli per s per garantire che il virus non si adattassi a ambienti chiusi, ma Quando ce n’è uno Questo presenta, che abbiamo una reazione abbastanza veloce allo stelo “, ha affermato il direttore della salute pubblica regionale, il Dr. Marie-Josée Goudi. È persuaso che le azioni veloci limitino la propagazione.

La direzione delle residenze dei costruttori, i nuovi proprietari della piazza del Belvedere, ha rifiutato la nostra richiesta di intervista.

in comunicazione trasmessa ai residenti Martedì sera, indica di aver imparato dalla prima ondata.

“Forte della nostra recente esperienza, possiamo già agire in un modo che impedisce determinati problemi e agire in modo proattivo”, è indicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *