cosa pensa quando frequenta il primo eco?

“L’ultrasuono arriva a fermare la fantasia dell’anormalità”

“il primo ultrasuono, circa tre mesi , è un momento importante per il Padre. La gravidanza è appena vista. La madre sa che è incinta, si sente nel suo corpo. Può avere sintomi (affaticamento, nausea, ecc.) Chi lo aiuta a diventare consapevole di ciò che sta accadendo. Ma il Padre ha difficoltà a rappresentare questo reale che non è ancora visibile. Vedere il bambino rende tutto ciò che è molto concreto. Mossa, è vivo, sentiamo persino il suo cuore che batte. È un passo importante, che è diventato rituale, chi sosterrà il Padre nel suo viaggio verso la paternità. È anche un momento di condivisione, poiché entrambi i genitori vanno a attraversare allo stesso tempo diverse emozioni: ansia, sollievo, gioia. È ciò che emerge in queste testimonianze. Due padri parlano dell’ansia dell’anormalità. L’ultrasuoni smette questo fantastico PMI di un bambino anormale. Inoltre, tre braccia, non succede mai! Alcuni padri non possono sempre essere disponibili, ma è un peccato perdere questo momento di condivisione, anche se la madre riporta le foto in seguito! “

Didier Lauru, psychoanalyst e psichiatra autore di” Padre-girl, una storia di “ed” Albin Michel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *