Dave Brubeck, Leggi e (RE) Ascolta

Questo ottavo problema di oggi famoso collezione guidato da Jeremy Barham ritorna a L ‘ La maggior parte dei registri venduti nella storia del jazz, superando le due milioni di copie, “Time out” del quartetto Dave Brubeck. Successo inaspettato dal momento che il principio audace dell’album si basa sull’uso delle misurazioni o dei polimeri insoliti nel 1959, data del suo pubblicazione. Se l’iconico prendere cinque, con la sua misurazione a cinque tempi rimane in tutti i ricordi, tutte le altre spiagge, ad eccezione dello strano prato, ognuna sviluppa ciascuna su metriche singolari: Blue Rondo a Turk e il suo 2 + 2 + 2 + 3 volte, tutti saltano i cambiamenti incessanti delle misurazioni (4/4, 3/2, 4/4, 3/4, 2/4), raccogliere bastoncini in sei fasi, alternanza / tre per prepararsi e, Infine, il valzer di Kathy che usa queste stesse metriche ma sovrapponendole durante U Solo Piano – Stephen A. Crist dedica un capitolo a questa particolare domanda.

L’interesse di Dave Brubeck, tuttavia, il tempo Si basa sulle analisi musicali, che sono più simili alle descrizioni rispetto alle analisi reali, che dalla sua dimensione storica, sia che si tratti della sua Genesi, della sua risonanza storica o dei suoi discendenti. Grazie agli archivi di eccezionale ricchezza in eredità dalla famiglia Brubeck presso l’Università della Biblioteca Pacifica di Stockton (California), e finora stranamente poco sfruttata, Stephen A. Crist racconta quasi la creazione passo-passo, in tutti i suoi aspetti, di “Time Out”. Dieci capitoli costituiscono il suo lavoro. I primi tre sono storici e sociali.

Il capitolo iniziale evidenzia l’origine delle ricerche poliythmic di Brubeck, ex studente di Darius Milhaud, combinando la sua riflessione sul Applicazione della poltonizza jazz con quella di una ricerca a livello di tasso, questa musica è totalmente o quasi dominata dalla misura a quattro tempi quando era uno studente, negli anni ’40. Dopo un byte allora un trio, Dave Brubeck cavalca un quartetto 1951. Cerca fino al 1954 i partner ideali per svolgere le sue aspirazioni musicali. Con Paul Desmond, l’Altista iniziale di questo allenamento, troviamo il batterista Joe. Morello Dal 1956 e il Bassista Eugene Wright nel 1958. Costituito così, il “quartetto classico” rimarrà invariato fino al 1967.

Due eventi in particolare consentiranno l’aspetto di “Time Out”: nel 1954, Dave Brubeck è sulla copertina della rivista Time (Crist ricorda che, contrariamente a ciò che crediamo, non era il primo Jazzman di approfittare di questa mostra: Louis Armstrong aveva fatto una delle riviste nel 1949), più la sua firma con la Columbia lo stesso anno. Capitolo 2 Racconta lo sviluppo della carriera di Dave Brubeck Prima della registrazione “Time Out”, i suoi tour, il suo album esce, il modo in cui i membri del Quartetto sono stati reclutati, i problemi relativi al razzismo del fatto. Colore della pelle di Eugene Wright. Su questo punto, noi Impara quanto spesso Dave Brubeck era militante, rifiutando di giocare per i programmatori segregazionisti, o anche francamente razzisti, a rischio di perdere contratti per diverse migliaia di dollari. Segna anche il dibattito tra i critici del tempo della musica di Brugck – Jazz ? Non jazz? -, così come il pianista della società DES “porterà il jazz dei locali notturni a beneficio delle sale da concerto. L’ultimo capitolo in Completamente storico, il Capitolo 3 è dedicato all’anno 1959, e in particolare I momenti che Laurent Cugnny nomina “la parte anteriore” e “dopo” del lavoro (note della busta, alcuni fontage, ecc.). Crist ci insegna in particolare L’intero team di Columbia, ad eccezione del suo capo, anticipa il fallimento di questo album: una pittura astratta come tasca, la musica su cui è difficile da ballare, nessuna normativa: “Tutto ciò ha portato a previsioni di fallimento commerciale” (p. 53). Ora sappiamo perché il modello di Columbia … è un capo!

Dal quarto capitolo, Crist si ferma sulla musica stessa. Capitolo 4, i pezzi di “Time Out” sono discussi uno dopo l’altro, sia a livello degli elementi musicali attuati come a livello della loro Genesi, non appena si scopre possibile, ripristinando la verità sulla creazione della verità di Prendi cinque, Paul Desmond ha divertente diffondere notizie notizie su questo argomento per tutta la sua carriera. Il capitolo seguente ciondolo su ciò che Laurent Cugnny nomina il “Durante” progettazione del lavoro, entrambe le registrazioni, con uno studio eccitante su tutte le prese alternative, non pubblicate fino ad oggi e tenuto negli archivi della Columbia.”Time Out” è stato oggetto di diversi giorni di ripetizione / registrazione tra luglio e agosto 1959. Ovviamente, lo stanziamento della nuova misura di cinque tempi di prendere cinque non era semplice, e dopo le sessioni di luglio non è stato fino a agosto la cattura nota potrebbe essere realizzata. Stephen A. Crist ci insegna che l’album contiene pochissimi punti di montaggio, ad eccezione della fine dello strano lark del prato.

Capitolo 6 Esprime le fonti multiculturali che hanno nutrito le composizioni di Dave Brubeck e il suo modo di assimilarli al jazz idioma. Oltre al jazz e al blues, ci sono naturalmente tracce di musica occidentale della tradizione scritta, ma anche musica turca (blu Rondo a Turk, che usa un ritmo Aksak) e Wati , un gruppo etnico Tutsi (pick up stick, che originariamente ha intitolato Watures Drums). Le parole erano spesso associate a questa musica strumentale, alla moglie di Brubeck, a Iola, collaborando con suo marito. Un professionista Commedia musicale con Louis Armstrong e Carmen McRae, i veri ambasciatori, al tono molto politico – quindi mai dato -, mostra legami di parentele con “Time Out”. Quindi la musica di tutti i jumpin ‘si trova in particolare nella partizione del musical sotto il titolo di tutti i comini’. Prende da strani lombo di prato e prendere cinque con parole sono state interpretate da Carmen McRae. Dedicati ai rapporti di testo / musica, il capitolo 6 affronta anche i tempi di Claude Nougaroro e quello di Al Jarreau.

Capitolo Seven è interamente dedicato al posterità dei pezzi di questo record storico. Dopo aver mostrato come Dave Brubeck e Columbia hanno navigato sull’ondata di successo, producendo 45-tour e altri album nella stessa vena, l’autore segue la traiettoria del quartetto classico attraverso le versioni registrate dal gruppo fino al gruppo. Dissolving Nel 1967, quindi da Brubeck. Crist prolunga questo esame da evocazioni più o meno sostenute di alcune delle centinaia di volte del corpus di “time out”. Questo gli permette di ricordare a un musicista come Anthony Braxton, apparentemente molto lontano dall’Alto dello stile di Paul Desmond, ha iniziato a giocare e ascoltare il jazz intorno al 1959, e quello dei suoi album preferiti è stato allora il “jazz del College of the Pacific” di Brubeck, che ha gravoso tre per prepararsi nel 2003 (“23 standard (Quartet)”, Records Leo) e persino registrato tutte le cose che sei con Brubeck su un album pubblicato come quest’ultimo (tutte le cose che sei “, Columbia, 1976).

Allora attraversare le versioni di Tito Puente, da Keith Emerson, da Keith Emerson, da Keith Emerson, da Keith Emerson, da Keith Emerson, da Keith Emerson, Chi ha ripreso Blue Rondo al Turk in quattro fasi con i bei, alcune versioni dei musicisti “classici”, l’autore si rese finalmente conto di uno zoom sul recupero dello strano prato Lark by Chick Corea e Gary Burton per la loro registrazione “Hot House” per la loro registrazione “Hot House” Jazz, 2012). Dopo un breve capitolo focalizzato sulla questione delle misure asimmetriche (lezionate sopra), l’ultima parte del libro evoca la carriera di Dave Brubecca ha superato la registrazione di “Time Out” (specialmente il suo lavoro con il conduttore. Orchestra Leonard Bernstein), il suo Vain tenta di salire a Broadway il suo musicale, che sarà comunque oggetto di un record con Louis Armstong e Carmen McRae (“The Real Ambasciatori”, pubblicato nel 1962), il ricevimento di “Time Out” dalla critica americana, i quattro album incisa seguendo le significative vendite di quest’ultimo, e alcune composizioni asimmetriche scritte da Brubeck in seguito.

sarà compreso, è un libro. Deve avere per tutti coloro che sono vicini o di gran lunga a Dave Brubeck, inoltre scritto in uno stile diretto, facile da leggere con un minimo di bagagli in inglese. Ci dispiace solo che i motivi per cui alcune parti di questo album siano voci nella memoria collettiva non lo sono stato analizzato più approfondito. Crist Evoca certamente il mezzo promozionale che ha permesso di prendere cinque, ad esempio, per salire nelle sfilata. Ma questo non spiega tutto. Una delle ragioni è probabilmente nel suono di questa musica, una dimensione precisamente assente dal libro di Crist: lo spazio, il rilassamento, il mix posizionando il pianoforte “vicino al viso”, la forza essenziale del basso, ecc. L’associazione di tutti questi parametri ha favorito la creazione di un singolo suono, identificabile dal primo secondo di prendere cinque, probabilmente costituisce uno dei fattori del successo della stanza, accanto ad altri. Ordine sociologico, storico e culturale. Tuttavia, Non uscire il nostro piacere: questo libro di Erudit porta più risposte di quanto drenare qualsiasi domanda. Ludovic Florin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *