Deodoranti interni: per proscrittura urgentemente!

I risultati del test eseguiti dall’UFC-che scelgono da 35 deodoranti interni sono veramente allarmanti.

Un numero elevato dei prodotti più famosi sul mercato carica l’aria ambientale di sostanze chimiche pericolose a Livelli incredibilmente alti.
Le sostanze incriminate sono effettivamente classificate come “certicogeno” come il benzene o la formaldeide, o “cancerogeno possibile” come toluene o naftalene, allergeni come limonene o interruttori endocrini come ftalati.

Per quanto riguarda la concentrazione di queste sostanze nell’aria interna, spesso supera tutte le soglie raccomandate dalle organizzazioni nazionali o internazionali di sanità pubblica.

Alcuni bastoncini di incenso emettono ad esempio 221 μg / m3 (microgrammi per metro cubico di aria) di essere Nzene (110 volte più della soglia raccomandata da un decreto 2002), 1251 μg / m3 di ftalati e 69 μg / m3 di formaldeide (per una soglia raccomandata da chi di 10 μg / m3)!

Attenzione anche a determinati vaporizzatori (Lily of the Valleggiato), addebitano l’aria di 4 655 μg / m3 di VOC (composti organici volatili) di cui allergeni endocrini e interruttori mentre alla fine di 200 μg / m3, l’aria ambientale non è più Considerato sano dall’EPA (l’American Environmental Protection Agency)

L’UFC-Cosa scegliere è formalmente consigliato ai consumatori l’uso di questi prodotti e richiede la vigilanza. Vedi “Dettagli dei risultati in Cosa scegliere da dicembre 2004.”

L’associazione richiede la responsabilità dei produttori e dei rivenditori: dipende da loro di non offrire la vendita dei prodotti che non possono più Ignora i pericoli.

Infine, l’associazione invita il ministro della salute a prendere urgentemente su questo problema in merito al problema della salute pubblica.

Proposta di UFC – Cosa scegliere:

Per tutti i deodoranti e profumi ambientali che emettono sostanze carcinogene e / o allergeniche classificate:

– il loro divieto in tutti i luoghi pubblici,
– la registrazione chiaramente visibile della menzione: “Può causare il cancro” o come appropriato “può causare allergie” – l’istituzione di un regolamento che vieta il posizionamento sul mercato di prodotti ovviamente dannosi per la salute.

Domande / risposte

– Non chiedi il ritiro dei prodotti, perché?

UFC – THAR THAR CHO ISIR: A differenza dei prodotti per la pulizia, ad esempio i deodoranti hanno il ruolo di emettere profumi e odori, quindi inviando sostanze all’aria. Non può quindi essere rimproverato per i prodotti testati per emettere. In attesa di un regolamento che lo consideriamo essenziale, chiediamo che i rischi associati al loro uso siano molto leggibili.

– Hai analizzato due marche di incenso che sono formidabili per la salute, forse i risultati sono generalizzati Altro incenso?

UFC – Cosa scegliere:

Tutti i bastoncini di incenso probabilmente emettono lo stesso tipo di sostanze. Non raccomandiamo occupazione. In assenza di analisi, tuttavia, non possiamo essere categoriali. Stiamo aspettando il ministro della salute alle analisi necessarie.

– Alcuni produttori dicono di non introdurre sostanze tossiche nella composizione dei loro prodotti, come spiegare la loro presenza?

UFC – Cosa scegliere:

Se questo è vero, ci sono tre possibili spiegazioni: – Le sostanze in questione sono presenti in un ingrediente della formulazione del prodotto, forse in grado di infondare dal produttore, sono prodotti da La reazione tra i diversi componenti del deodorante durante l’uso (durante la combustione ad esempio),
– Questi sono residui del processo di produzione.

– I produttori assicurano di rispettare il regolamento, accetti ?

UFC – Cosa scegliere:

Dicono vero per una ragione molto semplice: non vi è alcuna regolamentazione in Francia sulle emissioni inquinanti dei prodotti del consumatore.

– I produttori sottolineano che rispettano gli standard espositivi esistenti per alcune sostanze pericolose, che dire

UFC – cosa scegliere:

Gli industrialisti si riferiscono ai limiti di esposizione applicabili in un ambiente professionale. Si riferiscono a una popolazione sana per adulti, consapevole dei rischi, esposti a un massimo di 40 ore a settimana e che lavora in premesse con le particolari condizioni di ventilazione essendo monitorate.D’altra parte, ci basiamo sulle soglie e le raccomandazioni applicabili al pubblico in generale, le uniche che riguardano l’intera popolazione, i neonati, i bambini, i mali inclusi.

– Può l’uso dei deodoranti che si ammalano ?

UFC – Cosa scegliere:

È generalmente difficile attribuire all’uso di un prodotto in particolare l’aspetto di una malattia: il consumatore è esposto a più fonti di sostanze chimiche inquinamento. Inoltre, le sostanze cancerogene che abbiamo identificato nelle emanazioni dei prodotti testati hanno conseguenze a lungo termine. Per quanto riguarda gli effetti brevi o a medio termine, uno studio britannico pubblicato nell’ottobre 2003 da un team dell’Università di Bristol dimostra che l’impatto dei deodoranti della salute è reale: circa 14.000 donne sono state seguite per più un anno, 6 mesi prima e sei mesi dopo la nascita del loro bambino. Nelle mamme, i mal di testa sono significativamente associati all’uso di deodoranti e profumi ambientali. Nei bambini, i disturbi della salute associati sono la diarrea e i mali dell’orecchio.

– Il tuo metodo di prova è serio?

UFC – Cosa scegliere:

Prodotti dei prodotti di emissione dei prodotti di consumo non sono test di routine e sono piuttosto praticati con i produttori e i distributori. Ci sono, tuttavia, laboratori competenti in Francia e all’estero. Non abbiamo mezzi di prova all’UFC-cosa scegliere e utilizzare laboratori esterni. Questi test di emissione deodorante sono stati eseguiti da un laboratorio fluentemente padroneggiare questa tecnica.

Questo ti interesserà anche

interessato a ciò che hai appena letto?
Iscriviti alla newsletter The Daily: Le nostre ultime notizie del giorno. Tutte le nostre newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *