Diocesi del poitierssite ufficiale della diocesi di Poitiers – Vienna e Deux-Sèvres

dicembre 1996

giustizia e pace della Commissione diocesana

1- Elementi di informazione
2- tracce di azione
Alcuni indirizzi

notato nelle loro roulotte, interviste sulla loro terra, temuta nel quartiere, ammirato per la loro musica, incontrata sul mercato … la “gente” che “viaggi” Sono fonti di interrogatori e timori per il sedentario che siamo e chiamati “Gadges” (1). Stanno dando noi. Ma siamo anche invitati a “muoversi” nelle nostre mentalità.

il percorso dobbiamo prendere l’ignoranza alla reception.

Tormoso e sospetto

È una popolazione strana che arriva e che lascia: famiglie con molti bambini, vita all’aperto, mestieri e mobilità estranei ai nostri Cultura.

La prima reazione è spesso sospetta. I vecchi schemi tornano in mente: volo, raffina, bugia, sporco, mendico, molestie. La loro presenza può anche dare agli altri l’idea di goderti. Gli “zingari” hanno il posto giusto.

di sospetto alla repulsione ed esclusione Il percorso è corto. La nostra società vive quotidianamente. In alcuni paesi, i viaggiatori sono l’obiettivo dei neo-fascisti. Escludendo lo sterminio, il passo è stato attraversato dai nazisti e dai loro complici, attività o passività. Per quanto riguarda gli ebrei, siamo venuti a negare l’umanità della “Gypsy” e organizziamo sistematicamente la loro eliminazione.

Questa paura e questa sfiducia sono anche loro. Verso la loro. Ed esclusione, come spesso, funziona in entrambe le direzioni.

sorpreso e confuso

Questa prima impressione, Se siamo in qualche modo attenti, troviamo che le persone del viaggio vivono situazioni estremamente difficili.

E scopriamo questa cultura diversa dalla nostra, con un’altra relazione con lo spazio, il tempo e proprietà. I valori non sono tutti uguali. La solidarietà familiare è estremamente importante. I bambini sono difficili da scuola.

Gli adulti raramente sposero il municipio, ma secondo le dogane che variano da un gruppo all’altro. La religione ha un posto molto importante nella vita dei viaggiatori. Volentieri, parleranno di “santo” o “piccolo santo” (2). I loro incontri sono caldi; Il meraviglioso si sente sulla realtà della fede. La sensibilità e l’affettività predominano.

Ci ricordano cosa sono stati i nostri antenati: un popolo orale, tradizioni e leggende.

curioso e sedotto

La differenza diventa interrogativa.

Cosa vivono? Queste macchine, queste roulotte che sono per noi segno di ricchezza … hanno, come tutti coloro che hanno diritto ad esso, indennità e il RMI. Rendono stagioni o artigiani, vivono dalla Cina, dal mercato delle pulci. Altri sono raschietti o recuperano il recupero. Spesso sopravvivono i nostri scarichi e rifiuti.

Cosa vivono? Questa volta per vivere, questi bambini così felici, questa musica … hanno, anche in miseria, un’arte di vivere, un senso di benvenuto e condivisione, una libertà che ci sfida.

” Vieni a vedere i comici, vedi i musicisti, vedi i maghi … “
La Boemia, Vai a Caravan, Walk …

Ma il loro mondo è seriamente indebolito dalla nostra cultura contemporanea e dall’attuale sistema economico.

nell’ordine del religioso anche, la miseria e la credulità li rendono vulnerabili. La superstizione si sviluppa.

Questo è il business delle autorità pubbliche. Dal 1990, la legge “Besson” ha imposto il layout delle aree di accoglienza, parcheggi in tutti i comuni con oltre 5.000 abitanti. È ancora lontano dal rispettato. In generale, le disposizioni giuridiche esistenti sono anche interpretate in modo restrittivo, la lettera prevalente allo spirito del testo.

Questo è il caso di tutti i proprietari di pacchi di terra In vendita o in affitto, genitori di studenti, parcheggio rivieranti, clienti dei viaggiatori … Le associazioni si sviluppano per lanciare ponti, richiedono il rispetto dei diritti e associare le persone del viaggio alla gestione collettiva delle loro difficoltà.

Questa è la relazione della Chiesa. Che posto nelle nostre celebrazioni? Che posto nelle nostre scuole? Se prendiamo il sentiero della fiducia, quello che dobbiamo a priori a qualsiasi uomo! Se prendiamo il sentiero della loro cultura! Il cappellano di viaggi è impiegato. Non può farlo da solo.

Questo è il nostro caso: militare per il diritto alla differenza e scoprire che non è antinomica con la cittadinanza, la condivisione, la riunione, Amicizia.

(1) gadje: plurale gadjo per uomini e gadji per le donne, significa “contadini”, persone del paese, coloro che sono attaccati alla loro terra. Storicamente, viaggiare persone considerate la razza dei signori, coloro che sono liberi dai loro viaggi.

(2) Questi “Saintes” sono venerati al pellegrinaggio dei Saintes Maries de la Mer. È Marie-Salomé, Marie Jacobé e Sarah La Black, particolarmente costoso per gli zingari. Il “piccolo santo” si riferisce a Maria, che celebriamo Lourdes.

1- Elementi informativi

Gli zingari sono il termine più generale, che include diversi gruppi etnici dall’India e dall’Europa da cinque a sei secoli:

* I rom sono di gran lunga il più numeroso (Roma significa “uomo” nel sanscrito). Presente in tutta Europa, stanno benissimo rappresentare in Francia, in particolare nella regione di Parigi.

* I Menuches (la parola significa “uomo reale”) sono ancora chiamati Sinti (nominati Dopo un fiume indiano, il Sind). Molte famiglie si trovano nel nord della Francia, sul confine tedesco, nell’est e nel sud-ovest.

* Gli zingari (dal Monte Gype da dove viene il nome piccolo Egitto da; sono stati definiti gli egiziani, poi gli egiziani, poi gli zingepisti) sono presenti in Spagna e nel Mediterraneo Midi.

* I tuoi Younchies, non lo sono di origine indiana. Dalla tensione europea, hanno, per diverse generazioni, adottato il modo di vivere e le usanze degli zingari. Sono molto numerosi in Francia, specialmente nel centro e nella regione di Lyonnaise.

In tutto, sono quasi 10 milioni nel mondo. Tra 250.000 e 300.000 vivono in Francia e hanno la nazionalità francese. 100.000 sarebbero sedentari, gli altri cadono ugualmente ugualmente tra semi-sedentario, secondo i periodi dell’anno e itinerante. Ma i passaggi da una categoria all’altra sono frequenti.

Le famiglie sono numerose (da 4 a 5 persone per casalinga) e la popolazione è giovane (45% sotto i 16 anni, 4 % Solo più di 65 anni, per il 21% e il 15% nella popolazione globale francese).

A- una cultura specifica

Parlare della cultura di un gruppo è sempre molto rischioso: rischio di errore, approssimazione, persino caricatura.

il viaggio in testa

Il primo aspetto, il più ovvio, è proprio il “viaggio”. Hanno, infatti, il viaggio nella pelle, anche quando non possono muoversi. Questo sapore per il viaggio sta rivelando la libertà a cui sono molto attaccati; Libertà che, inoltre, pagano molto costoso.

primato del gruppo e della famiglia

il Il viaggio non vive in modo individuale e personale, è tutta la famiglia che si muove e va il campo da campo. In effetti, la famiglia, nel grande senso del termine, va soprattutto, e crea solide solidarietà: non tocciamo qualcuno dal suo clan. Questa solidarietà ha i propri limiti perché a sua volta può generare rivalità profonde e durature, odoli insormontabili. Questa compagnia familiare è un mondo gerarchico con un luogo molto preponderante concesso al capo della famiglia.

I bambini sono “sacri”. Spesso, hanno un’intelligenza molto vivace e una risposta rapida. Dalla loro giovane età, sono abituati a difendersi contro molte aggressioni. Devono diventare adulti e manager molto rapidamente. Si sposavano secondo il loro diritto consueto, spesso molto giovani (16 anni per ragazze, 18 per ragazzi).

La malattia, la morte e il lutto prendono un posto considerevole la vita degli individui e in particolare il gruppo. Questi sono momenti di grande sofferenza, ma anche una coesione familiare molto forte. Possiamo vedere i gesti confusi per noi, come bruciare la carotana del defunto o rivendere il terreno.

di comunità profondamente religiose

La religione ha un posto molto importante nella vita dei viaggiatori. La loro “cultura del viaggio” rende che si trovano bene nell’approccio del pellegrinaggio: Lourdes e la Santa Maries del mare per i cattolici, le convenzioni della Chiesa evangelica della Gypsy per gli altri. Questi grandi incontri sono momenti di grande intensità, sentiti ed espressi con gesti concreti che si aggiungono al cuore e ai sensi: carte di illuminazione, offrono un cappotto ai santi, toccarli, prega con tutto il suo corpo …

Molti giovani non seguono il catechismo. Ma ci sono richieste battesimali, spesso molti bambini alla volta, che sono una delle opportunità di contatto con la “rachail” (il sacerdote).

su base giornaliera La pratica religiosa è resa difficile dalla mancanza di ricevimento nelle nostre comunità. Se questa dimensione religiosa non viene presa seriamente o in considerazione dalle chiese cristiane, il rischio è grande che le sette si stanno sviluppando.

Il lavoro non è terminale in sé

I viaggiatori vedono volentieri la vita come regalo del cielo che ricevono dal giorno al giorno senza preoccuparti del giorno successivo. Se sanno come guadagnarsi da vivere, non è mai terminata di per sé, ma solo un modo per soddisfare altre esigenze più fondamentali: vivere con la famiglia e godersi la vita data a loro.

” Il lavoro non dovrebbe impedirci di essere padre, di essere presente alla nostra famiglia. Un paziente, un paziente, un defunto in famiglia, lasciamo tutto per circondarlo. È normale. “

Come il resto della vita del viaggiatore, dove la convivialità ha un posto fantastico, il suo lavoro è molto legato alla riunione dell’altro. Quindi la “Cina” si trova in una partita di relazioni, addirittura effimeri, da stabilire con il “Gadjé”: la ricerca del cliente che accetterebbe di acquistare l’oggetto che vogliamo vendere o per dare quello che vogliamo recuperare . Si tratta di cogliere le opportunità basate sulla domanda locale concentrandosi sulla fortuna più che sul know-how e alla gioia di questa opportunità incontrata più del guadagno. Questo desiderio di incontrare gli altri culminati in qualche modo per leggere le linee della mano in cui la ricerca di un guadagno è accompagnata da una costante preoccupazione dell’interlocutore. Questo si manifesta dalla natura del messaggio consegnato, sempre impressionato dalla speranza e dal comfort.

“Alla fine di agosto, all’inizio di settembre 1990, un uomo zingaro ha fatto porta a porta per vendere la biancheria Gli ho detto che non avevo bisogno di nulla, se ne andò.
Abbiamo un albero di nocciolo i cui frutti cadono sulla piazza pubblica. Questa persona è tornata a chiedermi se poteva raccogliere le nocciole, ovviamente, gli permettei di nocciole. Allora è venuto a ringraziarmi offrendomi 6 asciugamani da tè, dicendomi tutto il piacere che aveva fatto ai suoi figli portando nocciole. Non volevo accettare gli asciugamani del tè, ma prima della sua insistenza mi ha tenuto. Ero molto sorpreso Con questo gesto perché, spesso, sono piuttosto lamentele che queste persone lo portano quando passano in una città “.

Nota, tuttavia, che le attività tradizionali siano sempre più erose dalle nostre abitudini attuali e regolamentate dalle nostre leggi sul Artigianato, vendite a casa … e pianificazione urbana. Tutto ciò aiuta a degradare le condizioni di lavoro già precarie. Oltre alle difficoltà economiche, è un conflitto tra due tipi di cultura: Nomad / sedentario, versatile / specializzato.

Tradizione orale

I mezzi di espressione della gente del viaggio sono molto diversi dal nostro. La loro tradizione è essenzialmente orale. Non padroneggiano la scrittura, che li indebolisce. Così, nel nostro paese, ci sono pochissimi intellettuali, filosofi o poeti dai loro ranghi. Non è allo stesso modo in Spagna o nei paesi dell’Europa orientale.

Durante le serate del campo, sono ancora espresse da musica, danza, palavisici, Giochi, donazione gratuita per la loro sensibilità e arte dell’improvvisazione.

L’introduzione di audiovisivi significa in qualche modo sconvolto questa immagine tradizionale: le serate intorno al fuoco sono ora gareggiate dalla televisione ; E, se la comunicazione scritta è ancora problematica, sanno molto bene compensato dal telefono, il CIBI.

sulla difensiva per generazioni

Questa serie di elementi che caratterizzano molto succintamente la loro cultura situata in a Posizione non aggressiva, poiché tendiamo a pensare, ma piuttosto sulla difensiva. Sempre cacciati e inseguiti, seguiti e perseguiti, vivono nella paura: paura delle autorità civili, paura dei cani, paura della scuola, paura delle stanze d’attesa negli ospedali o nei medici, paura delle vigili nei supermercati, la paura nelle Chiese, Paura dei nostri occhi … paura di noi, il gadje.

Nonostante queste paure, sanno come toccare il loro lungo patrimonio orale trasmesso i mezzi per adattarsi costantemente Alle nuove condizioni economiche, sociali, politiche, legali imposte da loro.

È passato molto tempo da quando siamo sedentarizzati nel villaggio. L’altro giorno con mia madre, abbiamo suonato con un gadje che conosciamo. Guardò e mentre lei non ci ha riconosciuto, le ha lasciato cadere i cani. Mia madre ha reagito. Quindi si è scusata: “Non ti ho riconosciuto, se fosse stato qualcun altro, era lo stesso”. Un giorno, ho parlato con le mie amiche. Iniziano dicendo: “I manicoumi, sono tutti sporchi, ecc …” Allora, ho detto loro, “io sono uno, mi lavo, sono pulito!” Non sapevano cosa dire. L’ho sentito da quel giorno in cui hanno cambiato gli occhi. Non devo ancora nascondere chi sono per avere ragazze.

B- Un’attività economica difficile

L’economia è collegata al viaggio. È il lavoro che determina per una parte significativa il nomadismo o la sedentarietà, la frequenza e la grandezza del viaggio a seconda del momento. La maggior parte dei commercianti richiede il movimento, una prospezione intensiva (perché il mercato locale è rapidamente esausto) e la rappresentazione dei gruppi per evitare la rapida saturazione del settore del lavoro. I viaggiatori sono versatili. Hanno una forte capacità di adattarsi e, attraverso la formazione che hanno ricevuto nelle loro famiglie, che è l’unità economica di base, sono in grado di esercitare successivamente o congiuntamente varie attività a seconda delle opportunità, della stagione o del luogo di residenza.

Alcune attività sono quasi scomparse: strumenti di affilatura, produzione di ombrelli, oggetti in ferro battuto e legno. Le attività tradizionali, tuttavia, continuano ad esistere e dimostrare la continuità, il mantenimento di un set culturale specifico per le popolazioni nomade: il lavoro dei metalli (stagno, doratura, caldaia, ecc …); Le professioni dello spettacolo e del circo; Le attività del partito; viaggi o mercato della strada (frutta, verdura, mercatino delle pulci, tessile …); La fabbricazione e la vendita di vari oggetti (violini, gioielli, pizzi, oggetti di vimini); Inscatolare; Lavoro agricolo stagionale. Tra i nuovi mestieri, c’è la ristrutturazione della facciata o del dipinto di edifici industriali.

(secondo un documento realizzato dal centro sociale del popolo del viaggio Dal distretto di Poitiers).

febbraio 1996, i viaggiatori della regione Apostolica Aquitaine in un incontro hanno parlato dei loro scambi:

La maggior parte dal vivo dal recupero (ferrovie). Hanno notato tutte le grandi difficoltà relative alla concorrenza:

1) delle comunità Emmaus che recuperano gratuitamente
2) dei salti e delle eliminazioni
3) Grandi ferrovie

Questo lavoro non vive virtualmente.

I Vannirs soffrono loro anche concorrenza da “Made in China”, che inonda le ampie aree, sono più economiche … ma anche chiaramente meno solide.

Devono spesso affrontare i controlli di la polizia. Se trovano normali per essere controllati, affermano di essere l’oggetto di girare umiliazioni:

“Tu sei lo stesso!”> “Non lo sei Uomini, non francese “
” Ci sarebbero solo noi, questa razza sporca non esisteva più “

gli allevatori stagionali trovano più lavori difficili. Quando hanno, incontrano ancora molte difficoltà.

Esempio: Le stagioni vegetali sui saumurois occupano la famiglia circa il mese di marzo nei mesi di settembre, Ottobre se fanno il raccolto. Ma quando tornano al loro luogo di sedentarizzazione per il periodo invernale, non riescono a raccogliere un risarcimento assistente (il lavoro stagionale non aprire i diritti).Rimangono circa 3 mesi prima di poter raccogliere un RMI o un’altra indennità. Nel frattempo, il lavoro di recupero, i mercati ecc … non sono remunerativi. Queste difficoltà scoraggerebbero le famiglie a prendere un lavoro estivo.

Gli uomini presenti all’incontro hanno insistito molto sul fatto che il lavoro era importante per loro di vincere il lavoro Pane quotidiano. Ma non è una fine di per sé.

C- Diritti per conquistare

il diritto al Differenza

Dopo secoli di rifiuto e monitoraggio della polizia, dopo decenni di tentativi “di assimilazione” e “sedentarizzazione”, una nuova politica sembra educare, che considera i viaggiatori come i viaggiatori come tutti I cittadini fumisi.

Organizzazioni internazionali (Il Consiglio d’Europa, UNESCO …) sostengono il riconoscimento e la protezione delle minoranze culturali nonché il rispetto dei diritti di ogni uomo .

Gruppi etnici, vittime di discriminazione in una forma o nell’altra, a volte sono accettate o tollerate da gruppi dominanti in condizione di rinunciare alla loro identità culturale. Va sottolineato la necessità di incoraggiare questi gruppi etnici a mantenere i loro valori culturali, saranno meglio in grado di contribuire ad arricchire la cultura totale dell’umanità. (Articolo 18 degli statuti dell’UNESCO) P.>

Uccidere il Nomad sta uccidendo la quota dei sogni in cui qualsiasi società toccherà il suo bisogno di rinnovamento. (Gypsy Proverb)

Il diritto di circolare liberamente

BASIC Per tutti noi, questo diritto non è riconosciuto per i viaggiatori, anche dalla nazionalità francese. Il loro modo di vivere è sempre considerato sospetto, rimangono costantemente monitorati. Se il carnet antropometrico con connotazione razzista che esiste dal 1912 è stato rimosso nel 1969, rimane un notebook sul traffico che deve essere regolarmente indirizzato da un commissario di polizia o da un comandante di Gendarmanerie. Non possedere questo documento, non ce l’ha finalizzato o semplicemente essere in ritardo per presentarlo alla polizia o al Gendarmerie costituisce una violazione. Tuttavia, il documento non ha il valore di una carta d’identità e non consente di lasciare la Francia. Anche ad andare in un altro paese dell’Unione europea, i viaggiatori devono ottenere un passaporto.

Un collegamento comune è obbligatorio. Permette la registrazione su elenchi elettorali o sicurezza sociale, dichiarazioni dei redditi, censimento, matrimonio. Ma i viaggiatori cambiano spesso e questo attaccamento rimane nella maggior parte dei casi fittizi. In pratica il 75% di loro è privato del diritto di voto.

il diritto di parcheggiare utilmente

Vicino alla scuola, o all’ospedale quando c’è un paziente. Su un terreno che non è malsano. Il tempo del trimestre scolastico, del lavoro o del tirocinio …

in Francia, una legge del 31 maggio 1990 mirata all’attuazione del diritto all’alloggio, ha detto Besson Legge, contiene un articolo dedicato ai viaggiatori e impone sui loro luoghi di riserva.

Infatti, ai sensi dell’articolo 28 della presente legge:

“Schema dipartimentale prevede le specifiche condizioni di ricezione dei viaggiatori, per quanto riguarda il passaggio e il soggiorno, anche comprese le condizioni per la scuola dei bambini e l’esercizio di attività economiche. Tutti gli articolari di oltre 5.000 abitanti prevedono le condizioni per il passaggio e la residenza del viaggio sul suo territorio, attraverso la prenotazione di terre sviluppate per questo scopo.

dalla realizzazione del Area di reception (…) Il sindaco o sindaci dei comuni che sono andati insieme per realizzarlo può, per ordine, vieta Il parcheggio dei viaggi per il resto del territorio comunale “.

Se non c’è spazio di reception che incontra le condizioni di questo testo, il parcheggio non può essere proibito. Può essere limitato solo nel tempo, ma per una durata che non può essere inferiore a due giorni. Se alcuni luoghi possono essere esclusi, non ci può essere un divieto generale.

I viaggiatori possono almeno fermarsi sui campeggi finché “pagano il prezzo e rispettano le regole. Rifiutarli L’accesso è discriminazione che può essere proseguita nella corte correttiva.

Ma i risultati sono in attesa. I pregiudizi sono anche testardi nell’amministrazione che nell’opinione pubblica.Il risultato è che i viaggiatori non sono ancora considerati come cittadini pieni.

– Secondo un sondaggio condotto dal M.A.P. Nel 1994 e nel 1995 su quasi 2.000 comuni di oltre 5.000 abitanti, solo il 18% aveva una reception. All’inizio del 1996, è stato sviluppato solo da 20 a 25 piani dipartimentali.

– Il segno “vietato ai nomadi” moltiplicare e le cancelliere che bloccano l’accesso all’accesso . Parcheggi.

– Molti spazi riservati sono francamente scomodi, non salutari, depositi di immondizia adiacenti. Altri, che sembrano a proprio agio, ignorano totalmente che i viaggiatori non dormono mai nei boschi! Domanda di doganze ancestrali e paure.

– Le ore minime 48 pianificate dalla legge vengono trasformate il più possibile nei decreti municipali.

– I campeggi sono vietati sotto vari pretesti come quella delle roulotte con due assi.

Al suolo della Massonne in Châtellerault, chiuso nel 1996, i ratti hanno le stanze dei circuiti elettrici e circuiti frenanti sotto i camion. Fattura di riparazione: 700 f a 1.200 f.

Parcheggio tollerato “lontano dal villaggio molto lontano dalle brave persone vietate dal villaggio e dai con-cittadini ra il cimitero e la nausea
Scarico affumicato che chiamiamo pubblici
I conosco un posto senza alberi e senza fiori e pareti incomplete senza finestre senza tetti, purtroppo come campi e grigio come ghetto …
tra tombe e ratti, corone e clorte,
crisantemi e spazzatura, tra merda e morto,
La decomposizione di un orgoglioso popolo nomadese, godono come cancro, ineluttabile e lento nell’anima di questo villaggio – o villaggio senza ANIMA –
You Whit You Whit Thewer Whistllling vicino al fuoco
Amico Gitan Mio fratello Tu che conoscevi il mare, il mare, la strada aperta, sunbirds,
tu che ha imparato la storia dalla bocca dei vecchi
Non ho sentito qui la canzone della tua chitarra e nel tuo cielo ristretto vedi solo i noi Sneaky Starlers e il corvo sinistro
e il tuo fuoco che esce non è più un fuoco di gioia “(Estratto da una canzone dei viaggiatori)

Il diritto alla famiglia” / P>

Molti viaggiatori stanno cercando terreni per rimanere dell’anno e su cui le famiglie possono incontrarsi.

lì sono esempi di “suddivisioni” adatti al pubblico dominio secondo un’applicazione flessibile del testo interamente conforme allo spirito della legge Besson.

Ma la maggior parte del Le famiglie del tempo devono comprare molto per i proprietari privati e quindi soddisfare tutti i tipi di difficoltà o delusioni: rifiuto del proprietario, pre-empo del municipio … quando non è pagabile più del suo valore una terra non costruttiva su cui Sono quindi vietati installare la loro roulotte.

“Mio nipote voleva comprare molto. Ha pagato un deposito. Al momento della firma del notaio, il notaio ha detto che era il municipio che ha comprato “.” Il proprietario ha accettato di vendere, ma il municipio ha proibito di mettere una macchina. Quindi non ha comprato. Quindi qualcun altro comprò e ha avuto il permesso di costruzione. I nostri soldi non sono buoni “.

Per ottenere un risultato una buona collaborazione dei servizi pertinenti del municipio (equipaggiamento) e fare applicazioni per modificare il Piano di utilizzo del terreno (POS).

Il beneficio degli aiuti dell’alloggiamento

il camion o la roulotte in che la famiglia non è ovviamente corrispondente agli standard (superficie, numero di parti, finestre …) richiesto dalle organizzazioni che finanziano l’aiuto all’alloggiamento. Alcune indennità familiari hanno capito che doveva adattarsi. Altri continuano ad applicare i testi da vicino. Perché non riconoscere la roulotte come un habitat?

la scelta dell’alloggiamento HLM adattato

famiglie Guardare di essere sedentarizzato per un certo tempo è assegnato da HLM Housing in collettivo e in pavimenti …

Ma non cambiamo il modo di vivere durante la notte. Se il comfort è apprezzato, la famiglia e le visite sono numerose e rumorose. La carovana o il camion rimangono alla porta, pronti a partire. A volte dormiremo. I conflitti sono frequenti con il quartiere.

Devi immaginare alloggi e posti adattati in cui i viaggiatori possono vivere senza rinunciare completamente alla loro cultura.

“Garantire il diritto all’alloggiamento è un dovere di solidarietà per l’intera nazione. Tutto la persona o la persona che vivono particolari difficoltà, in particolare perché l’inadeguatezza delle sue risorse o condizioni di esistenza, ha diritto all’assistenza della Comunità, ai sensi delle condizioni stabilite in questo atto, per accedere al custodia decente e indipendente dove mantenerlo. “

(Articolo 1 della Legge Besson del 31 maggio 1990 )

una coltivazione della loro cultura

Come per bambini quando devi partire Entro 48 ore?

Se la scuola sia mobile anche? Ci sono esperienze, ma non nella nostra regione. I viaggiatori hanno paura di una scuola di sconto.

La partecipazione delle scuole assume una sedentarizzazione con terreno su cui possiamo rimanere, uno, uno, due, tre trimestri. Ci sono molti bambini dalle famiglie sedentarizzate in Poitiers-West e Châtellerault. Ovunque vi è il rischio che i bambini siano diretti al S.E.S. (Segpa sin dall’inizio), a volte nell’imp … Per il Gadje, non so come leggere una certa età viene rapidamente interpretata come un segno di debolezza!

Per il viaggiatore, la necessità di una scuola si è sentita come una bella limitata: leggere le mappe e gli indicatori di cartelli, compila i documenti amministrativi … I genitori hanno paura che la scuola dei bambini non comporti la scomparsa della propria cultura. Altri valori, compreso l’aiuto reciproco familiare, sembrano più grandi.

Sarah, 15, non è andato al college per diversi giorni. Una delle sue sorelle è malata, è andata ad aiutarlo a prendersi cura dei due bambini piccoli. Quando tornò in classe, l’insegnante sentiva che il suo posto era a scuola e non con sua sorella. Reazione: “È pazza, mia sorella malata e i miei nipoti da mantenere, è molto più importante della scuola!”

Il giorno del suo 16, Sarah non ha avuto il tempo di festeggiare il suo compleanno. Motivo: “Dovevo andare a scuola per fare tutti i miei libri!” Helt che tira una linea sulla scuola è più importante del festeggiare il suo compleanno.

Come permettergli di andare a scuola “Coltivare” senza perdere la loro cultura? E perché non arricchire gli altri da questa cultura pulita? Non è la scuola pubblica di tutti i cittadini?

Le soluzioni non sono facili. Potrebbe ancora essere data la grande difficoltà di adattarsi al mondo del lavoro (insediamento sempre più rigoroso di malfunzionamenti domestici, corsi di formazione o di inserzione che richiedono di essere in loco per mesi …), vedere il ‘incapace di parcheggiare vicino agli ospedali Quando un membro della famiglia è ricoverato in ospedalizzato, denunciare il rifiuto di alcune assicurazioni per coprire le roulotte …

2- Tracce D Azioni

Informazioni, diventare ricco con la scoperta di un’altra cultura è già molto bene. Ma non è abbastanza. Per dire che il problema è sociale, politico, pastorale … è vero. Ma non risolve nulla. Come sempre c’è la responsabilità di ciascuno.

possiamo, dobbiamo:

– Combatti il Clichés

“Roll in Mercedes”. La verità è che sono spesso opportunità e raramente auto di lusso. È perché la carovana, il camion è il loro unico bene e il loro posto della vita. È perché questo “patrimonio” sta svalutando con il tempo mentre le nostre case prendono valore, e tra i Gadje, non sono loro molti che trascorrono un sacco di soldi, tempo e curano la loro auto?

” Si rompono tutto e lasciano luoghi sporchi “. A volte è vero, ma non sempre. E qual è il comportamento di alcuni turisti sul bordo delle strade o nei campeggi?

molti di noi si sarebbero affondati nelle difficoltà quotidiane che le persone che affrontano il viaggio. Sopravvivono, soprattutto grazie alla solidarietà familiare e mantengono la cultura e la dignità. Mobilità, avere diversi mestieri, essere in grado di cambiare lavoro e adattarsi alle circostanze economiche, non sono queste qualità oggi ricercate?

– Militare per il rispetto dei diritti

denuncia gli sfratti quando non c’è terreno paesaggistico. Richiedere strutture domestiche in qualsiasi Comune di oltre 5.000 abitanti.Verificare che un regime dipartimentale che prevede tali strutture e il sostegno sociale indispensabile è stato seriamente sviluppato. (Quello dei Deux-Sèvres è stato scritto nel 1994; i tuoi funzionari eletti lo sanno? Dov’è la Vienna?)

Questa è solo l’applicazione della legge del 31 Maggio 1990 e molte circolari.

Combatti qualsiasi proposta per modificare questa legge nella direzione di maggiore supervisione della polizia o per facilitare le espulsioni. (Una petizione di persone che hanno espresso il loro disaccordo con un testo proposto da un deputato dei Deux-Sèvres, ha recentemente ottenuto 250 firme di Maulon, Thouars e Bressuire. Seguendo questa azione è stata creata un’associazione).

Assicurati che i viaggiatori siano associati alle decisioni che li riguardano.

– Limita la quota di esclusione che torna a noi

per dislocare le associazioni residenziali che si oppongono alla posizione di terra. Non sopportare gli eccessi dei gendarmi e dei supermercati dei grandi magazzini del nostro silenzio, il nostro aspetto ha deviato. Preter o vendere la sua terra.

– Apri le nostre scuole

sfida i genitori o gli amministratori di stabilimenti che si oppongono la registrazione dei giovani viaggiatori. Fai la domanda nelle associazioni e nelle riunioni dei genitori. Incontra gli ispettori dipartimentale dell’istruzione nazionale.

attendi le scuole e in particolare le scuole cattoliche, sia dei siti di riunione tra le colture e il rispetto reciproco. Immagina pratiche innovative grassette.

– Dare la riunione

senza errata misérablisma o angelismo. Senza paura o sospetto a priori. Semplicemente gestire, lealmente e fermamente la relazione del mercato. “Cina” non è né implorando né truffa; È un modo di lavorare. Parti a un interesse per il prodotto o il servizio offerto, al suo prezzo.

incontra più per molto tempo le persone è meno facile. I loro movimenti sono un ostacolo. La loro relazione al momento è diversa dalla nostra. Alcuni lo raggiungeranno; Altri no. Ciò che è importante creare una rete tra quelle con contatti con i viaggiatori

– Iscriviti associazioni o movimenti che solidalizzano con le persone dal viaggio

Tutti ritengono che ci siano comportamenti individuali che è in gioco. Dobbiamo quindi agire insieme, sia nelle grandi organizzazioni dei diritti umani o nelle associazioni locali più specifiche che forniamo i seguenti indirizzi.

Riepilogo

Alcuni indirizzi

* per Vienna:

L’associazione dipartimentale per l’accoglienza e la promozione dei viaggi Gestisce due centri sociali con le autorità locali con le autorità locali:

* Area trasversale in legno per il distretto di Poitiers
* Area de Châtellerault o Nel novembre 1996, nel novembre 1996 – Sede principale dell’Associazione:
8, rue des Sablonnières 86000 Poitiers – Tel. 05 49 01 97 25 – Fax 05 49 52 40 46

– Centro sociale di Poitiers: Same Indirizzo

– Centro sociale di Châtellerault:
3, rue Antoine bougainville 86100 Châtellerault – tel. 05 49 23 53 82

* per Deux-Sèvres:

Un progetto di associazione di amici di I personaggi del Nord Attualmente iniziano ora.

Contatto: Françoise Gadreau
11 rue de Bel Air 79000 Airvault – tel. 05 49 64 71 66

* per l’intera diocesi:

The Caplaincy of People del viaggio
10 rue de la trinità 86000 Poitiers – tel. 05 49 88 17 88

Elementi Bibliografia

* A Magazine:

“Gypsy Studies”
2 rue d’Hautpoul 75019 Paris – tel. 01 40 40 09 05
Pubblicazione semestrale: 130 f Il Numero
Centro documentazione Aperto al pubblico su Appuntamento

* Libri:

>

“NOMADS IN FRANCIA, PROSSIMITÀ E CLIPAGGI” DI DANIEL BIZEUL. Uragev, Lharmattan, logica sociale
“Gypsy” Jean-Pierre Liegeois. Vecchia edizione Maspero
“Un campo di concentramento francese: Poirls 1939-1945” De Paul Levy.

* per i bambini:

“La bambina al trailer” di Rumer Godden, Gallimard Youth Youth

* Cartelle didattiche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *