Fauna (mitologia) (Italiano)

fauna danzante, fauna casa, Pompei.

C’è una quantità di rappresentazioni artistiche dei faunti nelle vernici del vaso greco, della scultura greca e romana, Affreschi romani, specialmente a Pompei. La letteratura antica evoca anche. Queste sono rappresentazioni contemporanee della cultura greco-romana, dove questi personaggi sono onnipresenti nel contesto del paganesimo pre-cristiano.

Ma il tema della fauna selvatica è stato incluso nella cultura occidentale. Dopo la caduta di Roma, in tutto Le arti, e persino in architettura, dove sono spesso un elemento decorativo sotto forma di semplici maschere o decorare architetture di giardini o parchi, sotto forma di bagni termali. L’era moderna continua a utilizzare queste rappresentazioni, anche se hanno solo una relazione distante con faunas greco-romane.

Una fauna, olio su tela del pittore ungherese Pál Szinyei Merse.

letteratura moderna / h3>

Il poeta Stéphane Mallarmé fa una fauna L’oggetto di una delle sue opere: il pomeriggio di una fauna (che sarà adattata alla musica da Debussy).

Nathaniel Hawthorne nel suo ultimo romanzo (fauna marmo) evoca il volto della fauna attraverso il suo eroe Donatello. È dopo aver visto durante una mostra la fauna della prassitele che decide di scrivere in questa figura.

Nel libro il mondo di Narnia e il suo adattamento al cinema, il signor Tumnus è una fauna alle gambe , orecchie e corna di capra.

La poesia Paul Verlaine Fauna mette anche sul palco una risata, vista come un simbolo di un brutto presagio.

“La porta accanto della ECU ha tenuto il suo scudiero , singolarmente parice, fauna selvatica o altrimenti fantastica, secondo il gusto del suo maestro e il ruolo che gli piaceva prendere durante il Joust “, – l’uomo il cui aspetto o il comportamento erotico evoca questa divinità è descritto da Walter Scott (Ivanhoé”) e tradotto dall’inglese di Alexandre Dumas (1820).

Nel libro il Dio all’ombra di Megan Lindholm, pseudonimo di Robin Hobb, la fauna incarna la definizione standard: una capra uomo molto concentrata sulle relazioni carnali e usando la natura. Presente principalmente nella seconda parte del romanzo.

Pittura moderna.

Il pittore Pablo Picasso farà diverse rappresentazioni, utilizzando diverse tecniche pittoriche (pittura, acquerello, ceramica), sotto il nome “testa della fauna selvatica”.

ninfa e saty (1860) di Alexandre Cabanel, Palazzo delle belle arti di Lille.

ninfa e saty (1860) di Alexandre Cabanel, Palazzo delle belle arti di Lille

Arnold Böcklin Wildlife (1875).

Nastro da disegno di

Nella quinta trappola della serie Frank Brush Pé (una fauna sulla spalla, Dupuis, 2003), la fauna appare come una guida per il giovane eroe che desidera ripristinare i collegamenti del nostro mondo contemporaneo con la natura.

cinema

nel film di Guillermo del Toro, il Pan Labyrinth, rilasciato nel 2006 e tre Vincitore dell’OSCA Rs, il maestro del labirinto è una fauna nella versione originale spagnola ed è associata alla padella nelle versioni francesi e inglesi.

Nel mondo della Narnia: il leone, la strega bianca e la magia del gabinetto , James MCavoy interpreta la fauna Mr. Tummus.

The French Animation Film Mune: The Guardian of the Moon, pubblicato nel 2015, ha messo in scena un personaggio principale il cui aspetto è ispirato liberamente da quello dei satiri, in a World of Fantasy for Youth.

Videogiochi

In Spyro the Dragon on PlayStation 1, il protagonista è aiutato da un personaggio femminile che, alla domanda “Che cosa sei, esattamente, una tramoggia di capra? ” “Sono una fauna, Andouille!”.

La serie di videogiochi Diablo raffigura diversi clan di fauna (sotto il nome “generico” di Goatmen) come nemici che servono Diablo e i suoi servitori.

Musica e incessante

Prelude Nel pomeriggio di una fauna è un’opera di Claude Debussy. Nel 1912, Vaslav Nijinski ha creato una coreografia su questa musica dove ha ballato la fauna stessa. Questa creazione dei balletti russi di Diaghilev, con decorazioni e costumi di Leon Bakst, ha reso un certo scandalo in quel momento. La coreografia è stata ripresa nel 1980 da Rudolf Noureev.

Sculpturemodify

Nella porta dell’inferno, Rodin posiziona diversi fan.

Sayre e Baccante (1833) di James Pradier, Palazzo delle Belle Arti a Lille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *