Funzioni patofisiologiche del Cathepsin D: Targeting la sua attività catalitica contro la sua attività di legame di proteine?

Abstract: il catepsina di protesi aspartico lisosomiale D (cath-d) è sovraespresso e iper-secreto da cellule di cancro al seno epiteliali. Questa proteasi è un indicatore indipendente di scarsa prognosi nel cancro al seno in quanto è correlato con l’incidenza delle metastasi cliniche. Nelle cellule normali, Cath-D è localizzato in vescicole intracellulari (lisosomi e endosomi). Nelle cellule tumorali, cath-d sovraespresse si accumula in cellule, dove può influire sulle loro capacità degradative e il pro-enzima è iper-secreto nel microambient del tumore. Inoltre, durante l’apoptosi, la cath-D lysosomal è rilasciata nel citosol, dove può interagire con e / o cogliere le proteine pro-apoptotiche, anti-apoptotiche o nucleari. Diversi studi hanno dimostrato che Cath-D colpisce vari passaggi in progressioni e metastasi tumorali. Cath-D stimola la crescita delle cellule tumorali in modo autocrino, e anche Cath-D svolge un ruolo cruciale di paracrina nel micro-ambiente tumorale stimolando la riduzione dell’uscita del fibroblo e l’angiogenesi tumorale. Un mutante D231N-cath-D, che è privo di attività catalitica, rimase mitogenico, indicando un’ulteriore azione di cath-D per interazione proteica-proteina. Targeting Cath-D nel cancro può richiedere l’uso di inibitori della sua attività catalitica, ma anche lo sviluppo di nuovi strumenti per inibire le sue funzioni di rilegatura proteica. Pertanto, la chiara del meccanismo d’azione della catà-D è cruciale se deve essere sviluppata una strategia appropriata per indirizzare questa proteasi nel cancro. Si prevede che la scoperta di nuovi substrati fisiologici di cath-d utilizzando approcci proteomici per generare nuovi obiettivi critici. Lo scopo di questa recensione è quello di descrivere i ruoli della proteasi cath-d nella progressione del cancro e nella metastasi, nonché la sua funzione in apoptosi e per discutere come può essere preso di mira nel cancro inibendo la sua attività proteolitica e / o il suo legame attività proteica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *