I due lati del regime di Castro Medal

che viene detto, è imperativo ricordare che il regime di Castro è sempre stato in una posizione di autodifesa a causa della costante minaccia della sua reversibile risultante da un colpo fomentato dalla CIA. Inoltre, la mancata invasione della baia dei suini nell’aprile del 1961 illustra la volontà dell’imperialismo americano per liquidare Fidel Castro e il suo regime da parte della forza militare, con la complicità degli elementi più retrogradi della società cubana. Sarebbe stato lo stesso destino dello stesso destino per il presidente della riforma del Guatemala, Jacob Arbenz, nel 1954 e che era anche quello del presidente cileno Salvador Allende nel 1973. In tali circostanze non c’è motivo di sorprendere che Fidel Castro è stato abitato da un forte senso di insicurezza che lo portava alla deviazione chiunque non abbia ciecamente infilato i diktat del suo governo. Questi stanno attenuando circostanze che non fanno la brutalità del suo regime, ma probabilmente spiega il suo comportamento abusivo ai dissidenti tra i suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *