Il succo di barbabietole e i mirtilli possono ridurre l’ipertensione


Due studi hanno dimostrato che il consumo di succo di mirtillo o barbabietola può aiutare a ridurre la pressione sanguigna.

a Londra da 68 persone per quattro settimane , il primo studio afferma che il consumo giornaliero di un bicchiere di succo di barbabietola riduce la pressione sanguigna e la rigidità arteriosa nelle persone con ipertensione. I ricercatori attribuiscono queste modifiche al nitrato presente nel succo di barbabietola.

La seconda ricerca scientifica si svolge presso l’Università dello Stato della Florida dove 40 donne menopausali che tutte le persone che soffrono di pressione sanguigna prendono parte allo studio. Dopo 8 settimane, la metà delle donne che ha mangiato 22 grammi di mirtilli hanno notato un calo del 6,3% nella loro pressione diastolica. I risultati dello studio mostrano che i livelli di ossido di nitrici, ben noto per rilassarsi, sono aumentati molto significativamente nei mirtilli che mangiano.

Il blueber (V. myrtilliides) è abbastanza simile a Myrrille (Vaccinium Myrtilus), ma è non sulla stessa pianta. A livello di composti biochimici, contengono sostanzialmente gli stessi flavonoidi che sarebbero responsabili per i benefici medicinali. Le baie essiccate del mirtillo contengono circa lo 0,7% degli antociani mentre le specie selvatiche di mirtilli (vaccino) sono molto più ricche di antociani.

In tutti questi studi, il consumo di succo di barbabietola e mirtilli mostra una riduzione positiva dell’ipertensione arteriosa.

Per saperne di più sul mirtillo e sulla barbabietola:

Le meravigliose potenze della barbabietola rossa

il mirtillo e il mirtillo, campioni antiossidanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *