Le fabbriche di dissalazione producono più salamoia di acqua dolce


risolvere lo stress dell’acqua

il rivenditore Seawater è una risposta allo stress idrico, che designa una situazione in cui la domanda dell’acqua è maggiore delle risorse disponibili . Da un lato, la domanda di acqua globale aumenta, guidata dalla crescita demografica e dall’aumento del consumo a persona. D’altra parte, le risorse disponibili diminuiscono a causa del riscaldamento globale e dell’inquinamento. Risultato: quattro dei sette miliardi di esseri umani sul pianeta si trovano di fronte allo stress dell’acqua almeno un mese all’anno.

Deselaminazione meno efficiente in Medio Oriente e Nord Africa

Più di Il 62% delle acque dolcere del mondo prodotte nel consumo mondiale, rispetto al 30% dal settore industriale. Il resto è usato per la produzione di energia o l’irrigazione. Le piante di desalinizzazione si concentrano principalmente nelle aree più aride, dove lo stress idrico è importante, specialmente in Medio Oriente e del Nord Africa.

Mentre queste due aree non rappresentano nemmeno la produzione di mezza produzione di acqua dolce, si concentrano più di 70 % di scariche di salamoia. In particolare, quattro paesi (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Kuwait e Qatar) rappresentano il 55% della salamoia globale. Questo è spiegato dall’uso di un processo termico di desalinizzazione, meno efficace dell’osmosi inversa, un altro sistema di depurazione dell’acqua.

il rapporto tra le quantità di acqua dolce e salamoia. Dipende sia dalla tecnologia utilizzata che dal Concentrazione del sale dell’offset dell’acqua. Se usiamo l’osmosi inversa e l’acqua di mare, la tecnica più utilizzata, il 42% di acqua fresca e il 58% di salamoia.

il cambiamento climatico lo rende cruciale. “Idrodiplomatie”

per Manzoor Qadir, CO -Author dello studio, sarebbe necessario riutilizzare la salamoia prodotta “in modo economicamente valido e rispettoso dell’ambiente”. Ad esempio, potrebbe servire nella produzione di Spirulina (un’alga usata come integratore alimentare), in acquacoltura o in produzione elettrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *