Marcatori biologici dell’infarto miocardico

cinetica dei marcatori dell'IDM'IDM

i) troponin

dosaggio essenzialmente di una specifica isoform del cuore della troponina I (la troponina T aumenta in caso di compromissione renale del polimerosito e dermatomiosi, in assenza di sofferenza miocardica)

a) interferenze

fibrin e detriti cellulari: osservare le regole della centrifugazione (possibilmente raggiungere ultracentrifugazione)
fattore reumatoide, anticorpi eterophili

b) interpretazione

Segnalatore miocardico specifico

c) IDM

Il tempo di aumento della troponina è troppo importante per l’uso di questo indicatore nella diagnosi IDM acuto (clinica ed ECG in genere pone la diagnosi e consente la rivascolarizzazione precoce).
Il saggio della troponina è tuttavia necessario: serve come base per valutare la cinetica, conferma la diagnosi e partecipa alla valutazione prognostica.

d) cinetica

aumenta verso il 4-6 ° h dopo un IDM e ritorna alla normalità al 9-14a Giorno (picco a 12 ore).
La sua normalizzazione più o meno a seconda della portata della necrosi.
Il suo picco è più importante in caso di trombolisi che consente di verificare l’efficacia di esso (ma meno un marcatore di Myoglobin). La sua normalizzazione è più lenta in assenza di riperfusione.
Indicatore a basso efficienza per valutare una ricorrenza (è meglio usare MyGlobin).

ii) myoglobin

Il primo segnalino di necrosi (2-3a ora) buon valore predittivo negativo (se il dosaggio è al momento giusto) valutazione dell’efficacia del marcatore di ricorrenza della riperfusione coronarica precocemente non- marcatore miocardico (aumenta in tutti i muscoli LYS)

III) CK-MB

ISOFORM della creatina Kinase Kinase più specifica (questo marker non è praticamente non sarando più perché porta poche informazioni aggiuntive al dosaggio della troponina)

IV) Altro

asat, ldh, totale ck
Questi sono indicatori di citolisi unici del cuore e cinetica del cuore ritardato.
Non vengono utilizzati nella diagnosi di infarto miocardico.
La quantificazione delle dimensioni dell’infarto è principalmente attraverso tecniche di imaging: i marcatori biologici hanno poco interesse in questa applicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *