nel nord, il 183 Cargill sacrificato

“È tutto insieme che devi combattere, è tutto insieme, andiamo a vincere!” Giovedì, braccia, braccia sotto le ferrovie di solidarietà, gli attaccanti dell’amido di Cargill di Haubourdin (Nord) stanno spalancando nell’evento regionale, organizzato a Lille contro la riforma delle pensioni. Huit semaines plus tôt, le 21 novembre, leur entreprise, propriété du géant américain de l’agroalimentaire Cargill, a annoncé un “plan de sauvegarde de l’emploi” (PSE) visant à supprimer 183 postes sur 315, et à en créer 19 nuovi. Allungando l’estrazione del mais e riposizionando la sua attività sulla produzione di ingredienti alimentari e industriali, a base di amido da grano, mais o patate, non solo mais, giudicato non abbastanza competitivo. Più della metà della forza lavoro scomparirà. Incomprensibile per i dipendenti del sito di Haubourdin il cui proprietario, istituito nel Minnesota, negli Stati Uniti, è una multinazionale che ha raggiunto quasi $ 115 miliardi (104 miliardi di euro) di vendite nel 2018.

Pentola online

Caffè, Arbor per proteggersi dal crachin, brasatura alimentata da Sbaks on Sito e borse a legna per barbecue … Dal lunedì, di fronte alla fabbrica, i dipendenti hanno installato un picchetto. Vicino a un fuoco, José, 57 anni, cogite: “Il mio futuro è finito, finalmente ho finito la mia carriera qui e ho intenzione di partire con un assaggio di incompiuto”. In fabbrica per trentasette anni, dice che suo nonno e suo padre ci hanno lavorato lì. Anche la sua trenta figlio è lì. Non sindacato, questa è la prima volta che va scivolare. “Se vengono a disgusto persone come me, è perché erano lontane!”

Un pesante apre il suo rimorchio caricato con pallet, prima di tornare al sito. I ragazzi solidi formano una piccola catena. Uno, due, tre … in pochi minuti, i pallet sono depositati sul marciapiede per il braciere. “Ogni giorno, vengo a consegnare qui,” scivola il giovane autista tornando in cabina. Al momento, Jean-Vincent Koster, responsabile del cabinet contabile Provexa, compila i documenti per valutare l’estensione dell’outsourcing correlato alla fabbrica: “Dopo 200 subappaltatori, mi sono fermato a contare”. Il Comitato sociale ed economico (CSE), che rappresenta i dipendenti, ha mandatolo a proporre alternative al piano di licenziamento. Per Provexa, non vi è alcun motivo per giustificare tale problema in Haubourdin: il fatturato progrede e quasi 3,8 milioni di euro di profitti sono stati effettuati nel 2019. “Un risultato cosmetico positivo”, indica la direzione, che garantisce che il Gruppo Cargill ha compilato i deficit di Haubourdin per due anni.

Per leggere anche “È un piccolo disastro perché questa azienda è il cuore della città”

“Non è un trasferimento o una razionalizzazione . Siamo qui nella rimozione di un’attività di deficit. La nostra decisione non è solo per Cargill. Le decisioni sono fatte per le persone che rimarranno quindi, in modo da continuare un’attività sostenibile e beneficiaria “, giustifica Thierry Régnier, la persona responsabile di il progetto di riposizionamento del sito Haubourdin. Gli attaccanti si basano sull’avvocato del Fiodor Rilov, noto per i suoi combattimenti contro i licenziamenti del mercato azionario, per sfidare il motivo economico e il colpi del piano sociale. Difficile ma non impossibile, ha detto quest’ultimo, anche se “questo tipo di progetto è di lunga data con i professionisti della ristrutturazione”.

L’arrivo di Philippe Capace, un responsabile professionale della transizione, come direttore del sito in Novembre, sembra dargli ragione. Sul loro picchetto, i dipendenti hanno ricevuto la visita della sezione regionale della Confederazione nazionale del lavoro (anarchico-sindacalista) e il senatore comunista Eric Bocquet. Il vice deputato Adrien Quatnens ha pagato 150 euro al vaso online dei licenziatari di Cargill prima di incontrarli. Giovedì mattina, il presidente della regione, Xavier Bertrand, ha ricevuto diversi sindacalisti. “A questo punto, i messaggi stanno passando, Alert Bercy, organizziamo incontri, giochiamo intermediari”, afferma la sua azienda. Contattato dal rilascio su questo nuovo record sociale, il Ministero dell’Economia non ha reagito in questa fase.

“Difendi il più possibile!” incoraggia un conduttore. Un grande ragazzo cammina un colpo nero a forma di bara. “Le persone danno cadere 10 biglietti a sfera, 20 palle … Ho intenzione di andarmene con”, “ride. Roquette Émetistes, una fabbrica adiacente concorrente, ha riconosciuto un assegno per 500 euro. Nel frattempo, due consulenti di sicurezza e sicurezza “usando PES” discutono l’aria del nulla con dipendenti mobilitati.”Un colpo di estremità può scoreggiare un vantaggio, dice Franck, uno di loro. Stabiliamo un contatto, lo facciamo capire che se fosse troppo lontano, non è solo il suo lavoro che sta perdendo, sarà anche nei tribunali”.

“Mi spaventa”

sulle pareti, i tags testimoniano la tensione crescente tra attaccanti e direzione. Il CGT si rifiuta di partecipare ai negoziati per definire le condizioni di partenza dei licenziatari futuri. “La nostra prima preoccupazione è la conservazione dei lavori”, martellando la maggioranza dell’Unione. Altre organizzazioni di minoranza, CFDT e CGC-CGC partecipano alle discussioni. Le prime misure sono state avanzate: i benefici di separazione fino a un mese di stipendio all’anno di anzianità, congedo di riclassificazione, diverse migliaia di euro di buste per la formazione, la creazione o il recupero aziendale … Alcuni possono sperare di raggiungere il risarcimento fino al pensionamento.

Ma l’avvocato Fiodor Rilov è diffidente delle informazioni trasmesse che “mai accidentalmente sono usate per assicurarsi che i dipendenti siano divisi. che gli interessi di alcuni sono in contraddizione con quelli degli altri”. Con sei mesi di anzianità, Christophe non aspetta molto: “A 45 anni, si farà del male perché sappiamo che sarà difficile trovare qualcosa. Con tre figli, la casa, la macchina … mi spaventa. ” Questo sarebbe il secondo licenziamento economico della sua vita come lavoratore. Il primo era nel 1997, in Seclin (Nord). Poi, l’autista ha lavorato coinvolgendo il suo assunzione al Cargill nell’agosto 2019.

David, 45 anni, ha sperimentato la stessa esperienza nel 2004 in una pianta di Templemars (Nord): “Siamo stati scopati nell’aria come Merda. Anche quando trovi un lavoro dopo, quando riceviamo con licenza, non è una busta che cancella tutto. Rimaniamo segnato per la vita. ” Entro la fine di febbraio, sono previsti cinque riunioni tra la direzione e i rappresentanti dei dipendenti prima che il piano di licenziamento venga trasmesso ai servizi dello stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *