Non è necessario lasciare il riposo dell’acqua prima di annaffiare

annunci pubblicitari

20180118a adish.info, emily curtis, clipground.com, moziru.com .jpg No, non hai bisogno di lasciare il riposo dell’acqua per 24 ore prima di usarlo per innaffiare le tue piante da interno. Fonte: adish.info, Emily curtis, clipground.com, moziru.com

Un mito popolare sugli impianti interni è che ci vuole lasciare riposarsi d’acqua municipale Per 24 ore prima di usarlo, e questo, per evitare danni causati dal cloro.

Ma non c’è abbastanza cloro nell’acqua del rubinetto per danneggiare la maggior parte delle piante, quindi non esiste una ragione valida per applicare questa tecnica. Acqua che viene direttamente dal rubinetto, preferibilmente tiepido, perfettamente adatto per la maggior parte delle piante. (Bene, poiché con circa 300 impianti interni per acqua, dovrei allineare con le meno 75 lavatrici sul pavimento il giorno prima dell’annaffiatura!) Questo è il più vero come il cloro – in molte quantità – è essenziale Elemento per la crescita della maggior parte delle piante.

Il cloro non è necessariamente evaporato

Più, lasciare la ripetizione dell’acqua del rubinetto per 24 ore non riduce necessariamente la quantità di cloro che contiene. Almeno, non in modo significativo.

Questo è che sempre più comuni ora usano il cloramina (un composto contenente cloro) piuttosto che il cloro volatile nel trattamento della loro acqua. A differenza del cloro, il cloromina non evapora quando si lascia il riposo dell’acqua. È per questo motivo che i comuni lo preferiscono: mantiene l’acqua libera dei microbi più lunghi del cloro volatile. Inoltre, lasciare riposare l’acqua per 24 ore a concentrare invece il livello di cloramina nell’acqua … anche se solo molto leggermente.

piante sensibili al cloro

20180118b owtdoor.com.jpg
Suggerimento bruna a causa dell’aria secca, una mancanza di acqua cronica, ad un fertilizzante in eccesso, un cloro in eccesso o una combinazione di questi fattori. Fonte: OWTDOOR.COM

Poiché ci sono eccezioni a tutto, alcune piante sono più probabilità di cloro di altri, compresi Dracénas (Dracaena) i cadici (Cordyline ), la pianta del ragno (clorofita comosum), il morale (Maranta), i calati (Calathea) e tutte le piante carnivore. Se innaffiassimo queste piante con acqua troppo clorurata, potrebbe rovinare la fine delle loro foglie. L’acqua clorata è solo parzialmente responsabile di questo problema: l’aria troppo secca, periodi prolungati di siccità e fertilizzanti troppo concentrati troppo “bruciano” le foglie di queste stesse piante. Idealmente, li avrebbero comunque sprecato con acqua piovana o acqua distillata.

o fare come me: Sto arrivando le piante incline a picchi marroni (eccetto i carnivori, che hanno diritto a un processo preferito a causa del loro particolare processo a causa del loro particolare processo Requisiti) con acqua del rubinetto Allo stesso tempo delle altre piante da interno e sono astratto da questo piccolo Bobo, tutto molto minore. E questo problema è tanto più minore se non si sottolinea la pianta con un’atmosfera troppo secca, una mancanza di acqua regolare e troppi fertilizzanti. Quindi, solo la punta estrema del foglio potrebbe bruciare.

Impara anche ad applicare la famosa “regola dei 15 passaggi”: decorare 15 gradini e se non vedi il sintomo, è “Non c’è nessun problema .

Se non sei in grado di applicare la regola 15 passaggi, tagliare semplicemente i picchi marroni.

Set problematico!

Condividi :

Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *