OXYDATION DES PHENOLS PAR LE PEROXYDE D Idrogene en Milieu Aqueux en Presence Deer Support Sur alunnineen ossidazione di fenoli in acqua dal perossido di idrogeno su ferro a forma di allumina

L’obiettivo di questo lavoro è stato quello di studiare, al fine di specificare il suo meccanismo reazionale, l’ossidazione mediante il perossido di idrogeno dei fenoli in un mezzo acquoso in La presenza di vari catalizzatori eterogenei e in particolare il ferro supportato allumina.

Nei lavori precedenti abbiamo studiato l’azione del reagente Fenton (H2O2 + FE2 +) sui fenoli e su acidi organici e confrontato questo sistema all’ossidazione catalitica Su un solido catalizzatore (ferro / allumina, ferro-rame / allumina) con perossido di idrogeno. La struttura del metallo supportato è stata determinata dalla spettroscopia di Mössbauer grazie a cui siamo stati in grado di stabilire da un lato le relazioni tra la struttura e la modalità di preparazione del catalizzatore e dall’altra le modifiche delle superfici del catalizzatore dopo una reazione di ossidazione di composti organici in un mezzo acquoso.

I risultati di questo lavoro hanno mostrato che l’ossidazione catalitica del fenolo è molto debole. Dipende dalla modalità di preparazione del catalizzatore e dalla natura dei metalli supportati, la modalità di trattamento termico del catalizzatore e della temperatura di reazione e, soprattutto, sulla presenza di poliidrossibenzenes all’inizio della reazione. Al contrario al fenolo, i polidrossibenzeni sono prontamente degradati in catalisi eterogenea dal perossido di idrogeno. Il tasso di reazione è una funzione da un lato delle proprietà catalitiche e sull’altro delle condizioni di reazione (pH, temperatura, presenza di bicarbonati nella soluzione …). In generale il tasso di reazione in catalisi eterogeneo sembra sempre essere una funzione del grado di idrossilazione dei composti organici a contatto con il catalizzatore in presenza di H2O2. Due tipi di meccanismi di ossidazione in catalisi eterogeneo possono essere previsti:

–MECCANISMO MECCANISMO: I radicali formati dalla decomposizione di H2O2 sui siti attivi del catalizzatore reagiscono con i composti organici;

-Non-meccanismo radicale (reazione di Hamilton).

Il percorso radicale è il risultato della reazione dei radicali idrossili con composti organici. I sottoprodotti risultanti di questo primo attacco (principalmente composti carbonili) sono sottoposti a una seconda ossidazione radicale o svolgono la parte del riduttore dei siti ossidati. Per quanto riguarda il meccanismo non radicale, molti percorsi possono verificarsi e tra questi sono i:

-Reation tra le entità ossidanti e le molecole organiche adsorbita sull’area del catalizzatore;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *