PMC (Italiano)


Discussione

L’incidenza delle perforazioni digestive che inaugura una malattia Hirschspung oscilla tra il 3,2 e il 4,4% secondo gli autori. A livello fisiopatologico, queste perforazioni si verificano su un segmento intestinale disteso da gas e stasi protetti da gas, responsabile di un tirocinio microbico e ischemia parietale così fragrificando il muro digestivo fino alla rottura di quest’ultimo. La classica presentazione clinica della malattia HirschspRung alla nascita è il ritardo dell’evacuazione del Meconium oltre 24 ore seguito da una bassa occlusione neonatale. Di fronte a qualsiasi ritardo di emissione del primo meconium in un termine neonato senza un’ulteriore conosciuta patologia deve evocare la diagnosi al fine di evitare l’evoluzione verso complicazioni come l’enterocolite e soprattutto la perforazione digestiva come il caso della nostra osservazione.. Il test della sonda è un passo essenziale nell’approccio diagnostico ma anche terapeutico consentendo di apprezzare l’aspetto normale dello sgabello. Può essere usato a casa dai genitori che sono educati nella direzione di alleviare il bambino dopo ogni feed. Tuttavia, di fronte alla persistenza di un gonfiore addominale timpanico, nonostante un test di sonda ripetuto ed efficace, la diagnosi di una perforazione digestiva deve essere menzionata quindi portando alla realizzazione di una radiografia facciale a faccia addominale toraco-addominale. Infatti, l’esistenza del gonfiore addominale, lucido e doloroso, che si verifica solo poche ore dopo la nascita, soprattutto associata a un vomito sempre più frequente, verdastro; Con sgabelli liquidi e nauseating dovrebbero riferirsi in primo luogo la diagnosi di un endocolte.

Nel caso preciso del nostro paziente, l’analisi della radiografia toraco-addominale ci ha permesso di evidenziare la presenza di livelli idro-aerei più grandi di in alto in relazione a un’occlusione. L’Associazione con PneumoperiToneum è un segno peggiorativo che generalmente testimonia la perforazione del colon. Non dovrebbe essere dimenticato l’assenza di ventilazione rettale che è un segno radiologico convenzionale in megachelor congenito. Una volta discussa la diagnosi, il supporto inizia prima nel letto del paziente utilizzando un exsufflation di polmopreritoneo solido. La tecnica è quella di introdurre un catetere venoso presso la regione Xiphoid in un paziente decubito dorsale per ridurre la pressione hyper addominale, migliorando così le dinamiche respiratorie. Questo è un semplice gesto ma può salvare il paziente. Il bilanciamento del sangue, generalmente mostra una sindrome infiammatoria biologica, spesso associata alla leucopenia. In assenza di diagnosi precoce, l’evoluzione è verso una pittura settica con insufficienza multi-viscerale. A livello anatomo-patologico, la perforazione digestiva di solito avviene a livello del colon destro e in particolare cacum. Questo è il segmento del colico in cui le forze di tensione sono massime e l’infusione parietale è precaria a questo livello in caso di distensione del colon. Lo studio di Newman et al. mostra che le punture digestive relative alla malattia di HirschspRung si verificano preferibilmente in forme totali o coliche totale (62%), sedersi sull’appendice destra o il colon (85%), sempre a monte dell’area di Agonghorn in forme corte. o classico ma di solito in un Zona di Agonghorn in forme totali della colica (84%). Abbiamo riportato una forma di perforazione di cecale su una malattia di Hirschspung situata a livello rettaligmoide, da remoto dalla zona achalastica. Una volta stabilita il rapporto reportivo peroperatorio, la continuazione della gestione sarà dettata dalla natura della perforazione e dal grado di setticità locale. Questo supporto può variare, con un semplice Avive seguito da una sutura diretta di perforazione a una derivazione digestiva transitoria, attraverso la resezione dell’inizio e l’anastomosi. Non dobbiamo dimenticare il luogo di Biopsia perocecture a gradini, che è l’unico elemento per avere la conferma istologica della malattia sottostante. Nel caso preciso del nostro paziente, i risultati dell’esame istologico confermano la diagnosi di megachelora congenita nella sua forma rettiligmoide. Con i progressi compiuti negli ultimi decenni, nel campo della rianimazione neonatale, la prognosi delle perforazioni digestive è sempre più migliore tra i neonati. Tuttavia la mortalità è ancora elevata in caso di ritardo della gestione e della prematurità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *