Trial di una palla di febbre del legionario sub-ufficiale

Il sergente M. è apparso martedì prima del tribunale de Bastia con un traduttore di giapponese. Dopo nove anni di legione straniera, questo sotto-ufficiale perseguito per “la violenza seguita da mutilazione o infermità permanente” voleva essere sicuro di capire i dibattiti. Precauzione che potrebbe rivolgersi contro di lui.

Promemoria dei fatti, che Rue89 aveva menzionato sotto la penna di Jacques Bessy, il vicepresidente di Adefdromil. Il 12 gennaio 2008, il corporale Z. del 2 ° reggimento estraneo paracadutista (rappresentante) conduce uno stage presso il Camp de Frasselli in Corsica.

Giorno Scenario: Con un altro legionario, deve fare il “Planstron”, il nemico sentinella ad un bivio. Quando arriva il volto della faccia, i due uomini devono fingere di sparare. Un ordine fraintentato, dal momento che aprono il fuoco (bianco con “munizioni di esercizio”) alla vista delle truppe amichevoli. Chi, sergente o due uomini, frainteso / capito l’ordine? Impossibile sapere …

Rabbia, prende un fucile e tira tre colpi

La rabbia del sergente M. che afferra il fucile d’assalto (FAMAS) di un tirocinante, punta l’arma a Una fine toccando il cavallo del caporale Z. e tira una raffica di tre colpi. Bilancio: il testicolo aperto aperto e la sinistra bruciata. Un anno e tre operazioni più tardi, l’uomo ha perso la sua appendice sinistra, è disabilitato per la vita (tasso di deficit permanente all’8%) e inadatto al servizio attivo.

Se nessuno contesta i fatti. Come sondaggio del Gendarmerie ha dimostrato ampio, l’intenzione è discussa. Sergeant M. finge di non avere la volontà di ferire il suo subordinato. Afferma inoltre che non aveva mai avuto tali comportamenti prima. Tuttavia, quando viene ascoltato dagli investigatori, il 4 aprile 2008, ha detto:

“Volevo le mie famas, la canna diretta tra le sue gambe. Ho visto il legionario Z. Agli occhi e poi ha sparato Tre colpi tra le sue gambe per punirlo. “

Nei regolamenti di sicurezza, è vietato tirare il bianco meno di cinque metri.

Due mesi dopo i fatti, la gerarchia lamenta

Nonostante le spiegazioni della lampadina del servizio stampa dell’esercilità, la Legione straniera ha stranamente gestito questo caso. All’inizio, la gerarchia del corporale z. la determinazione del lamentarsi. Poi prende il comando, dopo che il soldato ha espresso la sua volontà di giudicare il caso.

Il capo del 2 ° rappresentante, il colonnello Brice Houtet, riporta il caso al Procuratore della Repubblica il 26 marzo 2008. Commento di Master Eric Morain, Counsel per Corporal Z.:

“La gerarchia ha aspettato due mesi a denunciare i fatti. Perché, poiché è un” evento serio “, come indicato nelle relazioni? Se un preside del liceo o un manager dell’ospedale è nella stessa situazione, fa subito il punto. “Altre anomalia: il sergente M. è ancora attivo. È stato punito da quaranta giorni di fermo (nella sua stanza, a parte le ore di servizio), ma la Legion ha deciso di rinnovare il suo contratto per due anni. Morain:
“Non faccio il processo della Legione, ma il più serio e scioccante in questa storia è che questo tipo non è stato restituito. Oltre a tradire il suo paese, ciò che è più serio che sparare a uno dei suoi uomini? Quando vediamo che un Gendarme può essere restituito per la libertà di espressione e questa situazione … possiamo chiederci. “

Il pubblico ministero ha richiesto due anni di carcere, compresi quattro mesi, contro l’accusato. Giudizio l’11 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *