Tutta la città parla: Binche corregge la larusse una posizione errata “Le grandi luci erano vietate”

Nessuno è infallibile, nemmeno i dizionari più famosi. Nella sua edizione del 2003, il piccolo Larousse nei colori, alla fine del taccuino tematico a quattro pagine intitolato “Festival e Men”, a bordo “Mascarates”, ha commesso una famosa Bourde! Questa istituzione della lingua francese afferma che il coraggioso Gille di Binche termina il Mardi Gras sulla Pyre.

Questi sono i nostri colleghi da South Press che sollevarono e hanno rivelato l’errore. Sotto una foto di Gille, si può leggere la leggenda: frequente rituale: dopo una parodia di giudizio, un grande burattino che rappresenta il male e le prove della vita è bruciata alla fine del carnevale. Belgio. Binche. L’indignazione si è presto diffusa alla città di Gilles, come una scia di … Confetti.

La reazione non ha aspettato: il membro-Bourgmestre Binchois André Navez ha immediatamente preso la sua penna più solida per riprendere la disgrazia Dico. Ho chiesto di rettificare lo scatto, spiega il primo cittadino Binchois. È vero che in Belgio ci sono luoghi in cui si brucia il gille. Ma non a Binche. E l’assimilazione alla parola “burattino” fa male la popolazione di Binhoise e le società folk.

Cosa si sveglia così la rabbia di una popolazione più attaccata al suo carnevale del suo codice genetico. Soprattutto, è probabile che ricorda questa terra di folcloristico e tradizioni, che il Carnevale locale è un candidato per il riconoscimento dell’UNESCO.

La società Editrice del famoso dizionario ha già e già identificato l’origine del Bonabina e scusati.

Cosa calmare il più moderato del binchous. Per quanto riguarda gli altri, potrebbero probabilmente presentare queste pagine eretiche alle fiamme purificanti … che abbiamo promesso il loro gille. ·

Una posizione errata

i clamarers indigenti che si innalzano Cité Binchoise non aveva ancora, martedì mattina, ha vinto gli uffici parigini di Larousse. A 21, Rue du Montparnasse, abbiamo scoperto l’errore inserito nell’edizione del 2003 del Little Larousse.

Indossiamo un’estrema attenzione a tutto ciò che riguarda il francofonie, cioè – ma non solo – Belgio, Svizzera e Québec, affida Yves Garnier, direttore del dipartimento dell’enciclopedia di Larousse. Abbiamo un consulente per ciascuno di questi paesi.

esperti che non hanno rilevato il guasto. E per una buona ragione. Lavorano principalmente per il corpus del piccolo larusse, vale a dire per le parti che prendono i nomi propri e i nomi comuni. Tuttavia, l’errore si trova nei taccuini tematici con cui decliniamo il piccolo larusse ogni anno. In realtà, il BEPSE non è stato commesso dall’editore ma da uno dei suoi fornitori. L’errore era su un documento fotografico da una grande agenzia, continua il regista. Svoliamo sempre controlli ma, in questo caso, il problema deriva dalla giustapposizione di una leggenda corretta e da una posizione che non è. Pertanto, continuiamo la nostra ricerca per scoprire da dove viene questa gille.

E Yves Garnier per concludere: Chiediamo ai leader della città di Binche e dei suoi abitanti di accettare le nostre scuse. L’errore, non può essere corretto. Ma le pagine tematiche variano ogni anno, scomparirà con l’edizione del 2003. ·

p.lt.

“Le grandi luci erano vietate”

Se Le luci delle edizioni di larousse avevano a carico di contattare la maschera internazionale della maschera (con sede a Binche e informata nel Dico in questione alla parola “Binche”), avrebbero imparato che mai in questa città fu bruciata una rappresentazione del GILLE.

Questa tradizione non esiste, conferma Sabine Mauséler, bibliotecario e traduttore al museo. Sulla base di un testo di Samuël Glotz, direttore precedente della maschera e del Museo di riferimento, spiega: non troviamo a Binche Traces di un fuoco di chiusura del Carnevale. La ragione è semplice: nel Medioevo e nel XVI secolo, i grandi incendi erano proibiti dal magistrato, a causa dei rischi di propagazione. Il divieto era principalmente nelle cerniere dei bastioni, come Binche.

La pratica, tuttavia, persiste ancora in altri comuni, a volte sconosciuti con Binche. Nelle aree rurali, era più facile trovare un posto isolato lontano dalle abitazioni. E nel paese, queste pratiche hanno continuato fino al ventesimo secolo. Alla Louvière, ad esempio, che inizialmente era solo un villaggio, e il cui Carnevale è Newener. Risale di un tempo in cui questo rischio di incendio non esisteva più.Ecco perché stiamo assistendo alla combustione dei Gilles Golles, a differenza di Binche. ·

P.Lt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *