Vendita al dettaglio di attrezzature automobilistiche (4532z)


Piccole imprese e gruppi numerosi

In Francia, il settore economico dell’attrezzatura automobilistica al dettaglio comprende 9.008 aziende. Questa attività include accessori, pezzi di ricambio, pneumatici e altre attrezzature per veicoli a motore. I 5 gruppi più importanti della filiale sono Norauto Francia, luce verde, meditiota, ricambi e servizi di ricambio per la distribuzione commerciale e MPI.

Il paesaggio disegnato da queste entità economiche è caratterizzato dalla sua grande eterogeneità. In effetti, questo tipo di commercio al dettaglio è trasportato principalmente da TPES indipendenti e franchisees ma anche da aziende molto grandi, dispiegate in tutto il territorio. Inoltre, secondo l’ANFA (Associazione nazionale per la formazione automobilistica), le 7 maggiori aziende impiegano la metà del numero di ramo e il loro adeguato fatturato ammonta a 2 miliardi di euro.

Profili economici

Gli attori dell’attività di vendita al dettaglio dell’attrezzatura automobilistica presenta concetti diversi. Tra questi, troviamo i centri auto che vendono ampie gamme di prodotti. In particolare, gli accessori pneumatici, audio e video e apparecchiature di sintonizzazione possono essere acquisiti. Questi spazi commerciali hanno anche attività di manutenzione e riparazione automobilistiche complementari: scarico, benefici meccanici (per la cinghia, frizione …) ed elettronica (sistemi di climatizzazione per esempio). Più specializzati, i pneumatici fanno parte di un mercato sostitutivo. Il calo delle vendite di volumi osservato per questo prodotto e l’esistenza della forte concorrenza (tra i marchi di networking ma anche su Internet) hanno portato queste aziende a diversificare e ora sono numerose per offrire servizi di manutenzione dei veicoli. Luce (e talvolta per camion). Un’altra categoria in evoluzione in questo segmento al dettaglio: specialisti vetri. Questo posizionamento, a lungo occupato dagli allenatori, è ora detenuto da grandi reti, come il leader del mercato: la carglass.

Queste entità hanno per il comune denominatore per aver sviluppato modelli economici ispirati a quelli di grande distribuzione. La testa della rete funziona sia come centro di acquisto, un impianto di riferimento e un fornitore per le sue controllate. Grazie a questa centralizzazione, questi segni possono offrire tariffe più basse rispetto a quelle dei commercianti indipendenti.

Risultati a forma di mezza formazione

Questa attività economica beneficia di alcuni fattori favorevoli. Dal 1990, la spesa per la casa per gli accessori automobilistici e i pezzi di ricambio sono raddoppiati. Il successo commerciale di alcuni prodotti dei best-venditori come cassaforte per il tetto, porte in bicicletta e sistemi di navigazione illustrano la mania degli automobilisti per l’offerta proposta da queste attività commerciali.

Nonostante ciò, le vendite del settore (che era di 7,59 miliardi di euro nel 2013) lotte per aumentare. Questa stagnazione dei risultati può essere spiegata da diversi parametri. Prima di tutto, la crescente tecnicità dei modelli di auto attuali limita i requisiti dell’apparecchiatura automobilistica. Infatti, molti sono già pre-equipaggiati con molti accessori (GPS, altoparlanti, lettore DVD …), con conseguente rallentamento del consumo domestico in questo settore. In parallelo, la concorrenza della vendita di accessori per autoveicoli su Internet contribuisce alla guerra dei prezzi, già intensa, tra i centri automatici e i segni di distribuzione di specialisti di riparazione rapidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *